Salerno: teatro dei Barbuti, suoni e ritmi dal mondo

Domani, martedì 7 agosto, alle ore 21.30, per la XXVII edizione della rassegna estiva di teatro “Barbuti Festival”, organizzata dalla Bottega San Lazzaro, sul palcoscenico di largo S. Maria dei Barbuti, in canti e danze tradizionali si esibiranno due gruppi folk internazionali: il Lola della Serbia e il Kamushka della Russia (posto unico 10 euro). La musica tradizionale della Serbia viene di norma utilizzata come accompagnamento ad una danza in due tempi chiamata Kolo. Gi strumenti utlilizzati sono la fisarmonica, la frula (un tipo di flauto), la tamburica (simile al mandolino). I ballerini si muovono in cerchio, mentre il busto resta pressoché inutilizzato poiché la gestualità non esiste. Al di fuori delle ballate, la musica tradizionale è basata su esecuzioni corali e su pezzi strumentali. L’antica tradizione dei cori patriottici è riproposta nella musica popolare: i testi cantati sono quelli dell’epica serba che celebra le gesta degli eroi delle guerre contro i Turchi o dei padri della nazione, gli stessi eroi che venivano cantati dai cantastorie accompagnati dal suono del gusle nel Medioevo e negli anni della nascita della nazione serba nel XVIII secolo. Attualmente le bande di musica tradizionale sono molto popolari soprattutto nel Sud e nel centro della Serbia. Tra le danze russe, merita una menzione particolare la “troika”. Il significato letterale della parola troika è “in tre”. Simboleggia i 3 cavalli che, tradizionalmente, tiravano i barrocci delle famiglie nobili. La danza viene eseguita da gruppi di tre persone (un cavaliere tra due dame) disposti lungo un cerchio a “cortege”. Prevede l’alternarsi di una passeggiata in senso antiorario e di un ballo secondo uno schema predefinito: i ballerini tenendosi per mano alzano le braccia, le ballerine a turno si infilano nel varco così creato tra il ballerino e la sua compagna e, passando dietro la schiena del ballerino, ritornano nella posizione di partenza. Al ripetersi di ogni sequenza, il cavaliere corre avanti lungo il cerchio e riprende la passeggiata e il ballo con la coppia di dame che lo precede.