Salerno: Peduto, Via Manganario sedotta e abbandonata

Diversi mesi orsono, in prossimità della scadenza elettorale delle regionali (manco a dirlo!), il sindaco De Luca, in una assemblea pubblica tenutasi nell’aula magna del liceo “Da Procida”, prometteva ai tanti cittadini del comprensorio intervenuti che di lì a poco sarebbero iniziati i lavori per la messa in sicurezza di via Manganario con la realizzazione addirittura di marciapiedi “giardino” a tutela dei pedoni e dei residenti e per la riqualificazione ed il decoro di una strada e di un intero quartiere lasciati per anni nell’abbandono. Purtroppo però, a distanza di tanti mesi, i cittadini della zona, nonostante le tante opere messe in campo per la festa patronale, vedono con rabbia che le condizioni di via Manganario con la sua storica ed assurda assenza di marciapiedi praticabili continua ad essere una realtà, al pari della falsa promessa elettorale (una delle tante in realtà) del sindaco. Del resto non è davvero più sostenibile la realtà di questa strada trafficatissima –data la sua vicinanza con l’imbocco delle autostrade e la presenza del vicino liceo Da Procida –che costringe, nella sua parte centrale, addirittura  mamme con i carrozzini e persone anziane a camminare, con sommo rischio, a bordo strada per l’assenza di un marciapiede che possa essere definito come tale. Ancora una volta, però, i cittadini notano con dispiacere e rabbia, e noi con loro, come dal palazzo municipale si badi esclusivamente alla pomposità e mediaticità di opere fatte con scadenze scientifiche, o meglio elettorali, mentre si negano opere meno mediatiche ma più utili alle reali esigenze dei cittadini stessi, peraltro reiteratamente promesse e poi disattese. Ecco perché proponiamo al sindaco di fare un nuovo incontro con il quartiere, per spiegare, senza inganno,  perché si continua a negare a tanti cittadini la sicurezza, l’incolumità….e non da ultimo la lealtà dell’amministrazione nel rapporto con la stessa cittadinanza.  

                                                                  

4 pensieri su “Salerno: Peduto, Via Manganario sedotta e abbandonata

  1. Con le cooperative non si può risolvere questo problema ? Potrebbe rispondere il vostro numero 1 Enzo Musto

  2. DE LUCA nei quartieri limitrofi a casa sua gira solo in campagna elettorale, poi se ne frega, ma non temete, lo rivedremo nuovamente a breve per le prossime elezioni comunali…
    intanto via Manganario resterà così

  3. Egr. Sig.ra Lupo Egr. Sig.ra Vicinanza,
    Vi scrivo a proposito di un articolo pubblicato sul Vs quotidiano on line il 28 Settembre 2010 – 05:53, a firma del Sig. Peduto dal titolo “Salerno: Peduto, Via Manganario sedotta e abbandonata” di cui invio il link per facilitare la ricerca:
    http://www.dentrosalerno.it/web/2010/09/28/salerno-peduto-via-manganario-sedotta-e-abbandonata/

    Sarebbe opportuno, per garantire una corretta informazione ai Vs lettori, pubblicare l’ errata corrige a proposito di quanto scritto dal Sig. Peduto circa

    – l’assemblea pubblica di presentazione del progetto esecutivo dei Lavori di “Risanamento e miglioramento della viabilità delle aree di via Manganario e via Lanzalone” tenutasi Venerdì 21 Maggio 2010, alle ore 18.00 (avvenuta, dunque, ben oltre la scadenza della campagna elettorale regionale alla quale si riferisce il Sig. Peduto con errate e personali allusioni) nell’aula magna Liceo Scientifico “G. da Procida” i cui invio il link per facilitare la ricerca:
    http://www.liceodaprocida.it/modules.php?op=modload&name=News&file=article&sid=351

    – i Lavori di “Risanamento e miglioramento della viabilità delle aree di via Manganario e via Lanzalone” hanno avuto inizio il giorno 25 Ottobre dopo i dovuti tempi tecnici dettati dal Codice degli Appalti (si leggano, per informazione, tutte le principali testate giornalistiche locali pubblicate il 26 Ottobre 2010 )… segno che amministratori, tecnici e imprenditori non hanno “sedotto ed abbandonato” gli abitanti delle aree di via Manganario e via Lanzalone.

    Certo di una Vs cortese risposta porgo i miei più cordiali saluti.

    Luca

I commenti sono chiusi.