Calcio: Serie A, risultati 8^ giornata

Marco Squitieri

È il posticipo tra Venezia e Fiorentina a sancire la conclusione dell’ottava giornata di campionato. I lagunari, in casa, hanno la meglio sulla Fiorentina. Il risultato finale è di 1-0, con il secondo gol in campionato di Mattia Aramu. I viola, nonostante l’assedio finale, non riescono a trovare il pareggio, complici anche le parate di Romero.

Nelle gare del sabato, le prime squadre a scendere in campo sono Spezia e Salernitana. I granata vanno in vantaggio con il primo gol di Simy. Nel secondo tempo, però, sale in cattedra Kovalenko. Il centrocampista ucraino ribalta da solo la gara: serve l’assist assist del momentaneo pareggio e mette a segno il gol del definitivo 2-1. È l’ultima gara sulla panchina granata per mister Castori che, dopo le riflessioni della società, verrà sollevato dal suo incarico di allenatore.

Arriva anche la prima sconfitta stagionale per l’Inter. I nerazzurri, in vantaggio con il rigore di Perisic, subiscono la rimonta laziale. Vanno in gol Immobile, Anderson e Milinkovic in quello che è il 3-1 finale. È proprio il gol dell’ala brasiliana a scatenare una violenta rissa conclusasi con quattro ammonizioni. Il giocatore è stato accusato di non aver messo fuori il pallone con un giocatore dell’Inter a terra.

Soffre ma vince il Milan di Pioli. I rossoneri, scossi da un grandissimo primo tempo del Verona, ribaltano la gara nella ripresa. Giroud, Kessie e l’autogol di Gunter permettono al Milan di battere i veronesi per 3-2 e tenere la scia del Napoli.

Proprio il Napoli , dopo una partita molto intensa, riesce ad avere la meglio sul Torino. A sbloccare la gara è il solito Osimenh, giunto al quinto gol in campionato. Spalletti fa otto su otto in quella che è la miglior partenza di sempre nella storia della squadra campana.

Vittoria con vista quarto posto per la Juventus. I bianconeri superano la Roma con il risultato marchio di fabbrica della scuola allegri, 1-0. Va in gol Moise Kean, al primo gol dal ritorno in Italia. Juventus a quattordici punti insieme a Lazio e Atalanta.

Finisce 2-2 il match del Ferraris. Il Sassuolo, vanifica un ottimo primo tempo dove va in gol per due volte con Scamacca e, si fa raggiungere dalle reti genoane di Destro e Vasquez. Fatica ad ingranare la squadra di Dionisi, mentre Ballardini è sempre più vicino all’esonero.

Nel lunch match domenicale, il Cagliari, guidato dal solito Joao Pedro, batte 3-1 la Sampdoria in terra sarda. È la prima vittoria in questo campionato per il rossoblu e per Mazzarri. Inizia, invece, a scottare la panchina di D’Aversa alla guida della squadra ligure.

Con un Ilicic in grande spolvero, l’Atalanta supera l’Empoli in terra toscana. È una gara a senso unico, gestita per tutti i novanta minuti dalla formazione bergamasca. La  doppietta dello sloveno è accompagnata dal gol di Zapata  e dall’autogol di Viti. Per l’Empoli, il gol della bandiera è messo a segno da Di Francesco.

Alla Dacia Arena è 1-1 il risultato tra Udinese e Bologna. A passare in vantaggio sono gli ospiti con il gol di Barrow. Il forcing finale premia però i padroni di casa che, con il secondo gol consecutivo di Beto, trovano il pareggio definitivo.