Covid-19: supplica a San Raffaele

O potentissimo Santo angelo Raffaele, celeste medico, Medicina di Dio, uno dei sette angeli che sono sempre pronti ad entrare alla presenza della maestà del Signore e di Maria Immacolata, nostra Regina e madre e Regina dei nove cori degli angeli.

Guida divina, Raffaele, ricevi con bontà le nostre suppliche.

Vieni in nostro soccorso, il virus Covid-19 ci sta opprimendo.
Noi abbiamo utilizzato tanto volte la medicina contro la creazione di Dio per operare milioni di aborti, eutanasia, fecondazioni assistite, traffico di organi, manipolazioni genetiche perché abbiamo voluto sostituirci a Dio.

Ciò che è male agli occhi di Dio attraverso la medicina noi l’abbiamo tante volte  compiuto, siamo stati spesso empi.
Ma ora  le chiese sono chiuse, non si possono svolgere i funerali, gli ospedali sono sovraccarichi e si registrano scosse di terremoto in diverse regioni. Il futuro è incerto e preoccupante.
Noi sappiamo fin dalla nostra infanzia, dalle Sacre Scritture che il Signore è giusto e che libera fino all’ultimo tutti coloro che compiono la sua volontà.
O Angelo Raffaele così tu venisti mandato da Dio in missione presso la famiglia di Tobi.  Il tuo intervento nella vita di Tobia ha manifestato Dio Padre provvidente.

Con la Sapienza che viene da Dio hai preparato la medicina e guarito Tobi dalla cecità, hai scacciato il demone Asmodeo che perseguitava Sara, così che Sara e Tobia liberati e sanati fisicamente e spiritualmente, hanno vissuto lietamente il resto dei loro giorni, rendendo grazie a Dio.
Ti chiediamo, se è volontà di Dio e per la sua maggior gloria, ottieni per noi un rimedio al virus ma ti preghiamo maggiormente per ottenere la guarigione dell’anima e la salvezza eterna.
Intercedi affinché Dio che su tutti esercita la forza, ascolti la voce dei disperati e ci liberi dalla nostra angoscia.
Noi conosciamo secondo il Vangelo che Gesù ha posto Roma come sede della cattedra di Pietro e ci ha promesso che le forze degli inferi non prevarranno.
Intercedi assieme alla beata vergine Maria, madre di Gesù Cristo e madre nostra. Ella nel Magnificat loda il Signore perché ha spiegato la sua Potenza in soccorso dei suoi servi, ricordandosi della sua misericordia.
Con la pienezza dell’autorità di Gesù, scaccia e sgrida lo spirito di malattia che ci sta opprimendo, comandagli di andarsene via.
Intercedi per noi, o angelo Raffaele, affinché Dio volga il nostro lutto in gioia e le nostre sofferenze in salvezza.

Rendiamo grazie a Dio e benediciamo il Signore sulla terra per tutti i secoli.

Ave, pater. gloria.

Virginia Lalli