Salerno: presentazione rivista Meridiana Unificazione e Mezzogiorno

Se ne discuterà venerdì 28 febbraio 2014, presso la libreria La Feltrinelli di Salerno, in occasione della presentazione del numero della rivista Meridiana,
dal titolo Unificazione e Mezzogiorno, a cura di Carmine Pinto. Così come sta avvenendo  in molte città  italiane, sarà presentato anche a Salerno  il numero 78/2013  di  Meridiana  sul  tema  Unificazione  e  Mezzogiorno.  La  presentazione  avverrà  il prossimo  venerdì,  alle ore 17.30,  presso  la  libreria  La  Feltrinelli  (c.so Vittorio Emanuele  I, 230).  Meridiana  è  una  rivista  quadrimestrale  dell’Istituto  meridionale  di  storia  e  scienze sociali, edita dalla casa editrice Viella. Il volume Unificazione e Mezzogiorno è stato curato dal prof. Carmine Pinto, docente dell’Università degli Studi di Salerno. Dopo  i  saluti  di  Sebastiano  Martelli,  direttore  del  Dipartimento  di  Studi  Umanistici (Dipsum)  dell’Ateneo  salernitano,  ne  discuteranno  Anna  Lucia  Denitto  e  Alfonso  Conte, docenti di storia contemporanea, rispettivamente dell’Università del Salento e dell’Università di Salerno. Coordinerà il dibattito Eduardo Scotti, giornalista de La Repubblica. La  fine  del  Regno  delle  Due  Sicilie  e  la  formazione  dello  Stato  unitario,  con  la  contrastata partecipazione del Sud alla  vita nazionale,  sono un  luogo  permanente del  confronto politico  e intellettuale, oltre che del discorso pubblico italiano. Unificazione e Mezzogiorno rappresentano un campo di battaglia  –  scientifico e culturale  – aperto e controverso. Questo dibattito ha però bisogno  di  sprovincializzarsi,  valorizzando  le  questioni  affrontate  dalla  migliore  storiografia italiana e confrontandosi con quella  internazionale. Guardare alla relazione  tra Unificazione e Mezzogiorno  alla  luce  della  storia  della  crisi  dell’immensa  area  geopolitica,  che  spaziava  da Napoli  a  Bogotà,  da  Madrid  a  Buenos  Aires,  erede  del  grande  impero  di  Carlo  III,  vuol  dire acquisire una prospettiva più ampia e complessa, che svuota di senso e di significato un dibattito che vuole rimanere ancorato entro confini troppo ristretti. Adottando una visione internazionale e  utilizzando  la  prospettiva  del  conflitto  interno,  è  possibile  comprendere  in  che  modo  la
modernità politica abbia plasmato l’evoluzione del Mezzogiorno, determinandone la complicata e controversa partecipazione al processo di unificazione italiana. La  presentazione  del  numero  di Meridiana  sul  tema  Unificazione  e  Mezzogiorno  avviene nell’ambito  del  Dottorato  di  Italianistica  dell’Università  di  Salerno  e  del  Seminario Permanente di Storia e Storiografia.