Turismo “commissariato” in Campania, basta alla politica degli annunci

“Manca una condivisa ed omogenea regia sul sistema turistico regionale, ognuno continua a fare come crede, senza concentrare energie e sforzi verso un prodotto univoco – dichiara il presidente Abbac Confesercenti Agostino Ingenito –  Avevamo assistito nei mesi scorsi all’ennesimo effetto annuncio con la proposta di legge sul turismo regionale, ma in questa regione sembra impossibile trovare soluzioni”.  Resta infatti ancora fermo il percorso legislativo che già i predecessori dell’assessore De Mita avevano presentato. “Ormai i testi di legge non si contano più, io stesso ho partecipato a decine di riunioni e di concertazione per i precedenti testi Velardi, Di Lello ma ancora prima dell’ex assessore Armato senza dimenticare le proposte dell’allora delegato Schifone, non si riesce a trovare una quadra per  rinnovare il sistema di accoglienza con ept commissariati da anni e di aziende turistiche territoriali in liquidazione, in cui sembrano aleggiare autentici ectoplasmi con dipendenti pure competenti, ma mortificati per il ruolo in cui sono stati confinati”. E non va meglio, per l’associazione che rappresenta il comparto ricettivo extralberghiero, per l’attività promozionale e l’organizzazione degli operatori. “Spiace constatare l’inerzia dell’assessorato al turismo, non sembra vi sia una strategia operativa, con enti che fanno ognuno come crede – continua Ingenito che è anche presidente nazionale Aigo – Negli anni abbiamo assistito a sprechi con contributi a pioggia ad eventi che nulla hanno portato in termini di flussi turistici, mentre ora  tutto sembra restare sospeso in attesa di chissà quali miracoli”.  E seppure il testo De Mita ha escluso, rispetto ai precedenti ,  la riorganizzazione degli operatori ( la regione ha competenza in materia) resta alquanto difficile sapere quali e come si intende spendere le risorse europee ancora non disponibili. Organizzazione turistica dunque bloccata che rischia di far perdere ulteriore appeal nostro territorio. “Faccio proprie le dichiarazioni dell’assessore De Mita che in un comunicato del luglio scorso parlava di  costruzione del sistema turistico regionale come  cifra economica al comparto e di innalzare il livello qualitativo dell’accoglienza. Mi auguro che l’assessore possa accogliere le nostre istanze che non sono di mera critica ma un necessario coinvolgimento verso una reale inversione di tendenza – continua Ingenito – E’ necessario colmare ritardi e in un momento di crisi economica come questa, non possiamo permetterci di perdere competitività, vanno individuati percorsi condivisi e di autentico sviluppo per risolvere annose questioni. Intanto dall’Abbac segnalano inoltre il mancato inserimento delle strutture extralberghiere come i bed & breakfast nel sito internet regionale.