Salerno: Bando “Spin off” della Camera di Commercio

La Camera di Commercio di Salerno, nell’ambito delle attività previste dal protocollo di intesa sottoscritto con l’Università degli Studi di Salerno, nei mesi scorsi ha bandito il concorso “Spin-off”, una competizione fra progetti d’impresa accomunati dall’obiettivo di sviluppare prodotti o processi innovativi, sulla base delle competenze scientifiche maturate nell’Ateneo salernitano. Alla data di scadenza del bando sono pervenute diverse istanze di ammissione, oggetto di attenta valutazione da parte della commissione esaminatrice appositamente costituita, che ha proceduto alla selezione dei progetti sulla scorta di specifici criteri tra cui la fattibilità tecnico-produttiva dell’idea, l’identificazione preliminare di clienti e dei concorrenti, l’innovatività ed originalità del prodotto e la fattibilità economica. Il primo premio è stato assegnato allo spin-off “Spring-off” promotore di una iniziativa tesa all’adozione di soluzioni hig tech nel settore automotive, in particolare attraverso la messa a punto di speciali sospensioni intelligenti per le moto, in grado di assicurare l’assetto bilanciato del motoveicolo al variare del profilo stradale e dello stile di guida del conducente. Il sistema progettato, quindi, è in grado di migliorare la tenuta di strada e la capacità di frenata del motoveicolo oltre che di ridurre sensibilmente le vibrazioni trasmesse dal telaio al pilota, consentendo così l’incremento delle prestazioni senza compromettere la sicurezza. Realizzare imballaggi attivi in grado di prolungare la durata della conservazione (la cosiddetta shelf-life) dei prodotti ortofrutticoli è l’idea innovativa posizionata al secondo posto della graduatoria di merito. L’imballaggio messo a punto dalla “Nano Active” è in grado di regolare in modo innovativo i fattori responsabili del processo di maturazione dei prodotti ortofrutticoli, attraverso la minimizzazione della disidratazione, il rallentamento della velocità di respirazione e il controllo del livello di etilene, consentendo così il prolungamento del periodo di conservazione tra il 100-300% in più in funzione del tipo di vegetale. Al terzo posto si è il classificato il progetto proposto dalla “Nice Filler” finalizzato allo sviluppo e alla produzione di materiali polimerici per imballaggi alimentari attivi e intelligenti, che consentono di aggiungere agli involucri funzioni antimicrobiche, antiossidanti e antifungine permettendo, così, la riduzione dell’uso di conservanti e di trattamenti di sterilizzazione degli alimenti. Al quarto posto l’idea progettuale elaborata dalla “N.I.Te.” che nasce dall’esigenza di rendere facilmente fruibili e velocemente ricercabili i documenti ritenuti di interesse presenti in archivi digitali di elevate dimensioni. Lo spin-off messo a punto intende fornire tecnologie software innovative e competenze avanzate nel settore dell’elaborazione automatica dei documenti digitali, con particolare riguardo alle tecnologie per la lettura automatica della scrittura manoscritta corsiva, superando così il punto debole dei sistemi attualmente in commercio. La graduatoria si completa con il progetto dell’Aquaria Research azienda che intende automatizzare la preparazione delle fiale per il monitoraggio della qualità dell’aria, in particolare per il campionamento di tipo attivo, che consente di determinare l’esistenza e la concentrazione di inquinanti atmosferici presenti nell’atmosfera. L’adozione di nuovi materiali in grado di rendere possibile la meccanizzazione del processo di produzione delle fiale, riducendo quindi i costi, costituisce indubbiamente l’elemento innovativo dello spin-off. “Siamo convinti che l’innovazione possa essere la leva strategica competitiva chiave per meglio fronteggiate e superare l’attuale fase di difficoltà economica – dichiara il Presidente della Camera di Commercio di Salerno Guido Arzano – per cui sostenere la nascita di imprese innovative è una delle modalità con cui l’Ente camerale intende favorire lo sviluppo economico della provincia di Salerno”. “L’Ateneo salernitano, anche grazie alla collaborazione di altri enti ed istituzioni, è fortemente impegnato nel dare ai giovani l’opportunità di fare degli spin off, cioè di trasformare le competenze apprese nei laboratori universitari in idee di impresa. Le imprese innovative che hanno partecipato al bando “Spin off” della Camera di Commercio testimoniano lo sforzo notevole che Salerno sta producendo in questo campo fondamentale per accrescere le potenzialità di rilancio economico del nostro Paese”– ha dichiarato il Rettore dell’Università degli Studi di Salerno Raimondo Pasquino. “Siamo molto soddisfatti dell’esito dell’iniziativa – dichiara il Vice-Presidente della Camera di Commercio Antonio Ilardi. I premi conferiti dimostrano che il Protocollo di Intesa sottoscritto nell’ottobre scorso con l’Ateneo salernitano ha dato i suoi primi frutti, caratterizzando le azioni intraprese per la concretezza che distingue una buona azione amministrativa. Siamo, infine, lieti che l’attività sugli spin-off si sia distinta quale azione modello nell’ambito della neo costituita Rete dell’Innovazione ‘Campania In. Hub’ promossa da Campania Innovazione alla quale ha recentemente aderito anche la Camera di Commercio di Salerno”.