IFL 2012: si riparte col Kick-Off Classic

 La stagione IFL prende il via domani, domenica 26 febbraio, con il Kick-Off Classic tra i padroni di casa dei Panthers Parma e i Warriors Bologna, partita che si giocherà alle ore 15 allo stadio XXV Aprile del complesso sportivo Moletolo, a Parma. È, come ormai tradizione, la rivincita dell’Italian Super Bowl dell’anno precedente. Il 9 luglio 2011 vinsero per 76-62 i Panthers, che conquistarono così il loro secondo scudetto consecutivo. Parma conferma gran parte dello staff e dell’organico del secondo titolo: capo allenatore ancora Andrew Papoccia, che si avvale nuovamente di Taylor Tharp come offensive coordinator e Matthew Perdoni come defensive coordinator. Qualche cambiamento si è verificato nel roster. Quarterback è ancora Tommaso Monardi, poco più che 21enne ma già vincitore di un Italian Super Bowl e scommessa azzeccata dai Panthers nel momento in cui decisero di puntare su un Qb italiano, mentre a ricevere i suoi hand-off ci sarà ancora Jaycen Taylor-Spears, running back con un bel passato universitario a Purdue che già lo scorso anno aveva dimostrato il suo valore con la maglia dei ducali. A ricevere lanci, oltre alle conferme del bel gruppo di italiani guidati da Tommaso Finadri, la novità Kevin Grayson, ex University of Richmond, giocatore che nel 2008 vinse un titolo nazionale FCS, la categoria di college appena inferiore a quella delle grandi università. In difesa importantissimo l’arrivo di Simone Bernardoni proprio dai Warriors. Il defensive end della nazionale non potrà però fare coppia con Michele Canali, il DE che nella scorsa stagione ha rivestito anche i panni anche di tight end e fullback: Canali si è infatti trasferito negli Stati Uniti, al Menlo College, per una nuova esperienza di vita, studio e sport. Interessantissima però l’aggiunta del terzo americano, il linebacker Tyrell Sales, che come Jaycen-Spears viene dalla Big Ten Conference, dove ha vestito con buoni risultati la maglia di Penn State, università tra l’altro famosa per la lunga lista di grandi interpreti proprio nel ruolo di LB. I Panthers, compresi gli Italian Super Bowl, negli ultimi due campionati hanno messo assieme 18 vittorie e tre sconfitte (una delle quali proprio contro i Warriors, nella regular season 2011), miglior bilancio di tutta la IFL. I Panthers Parma, di cui è presidente Ivano Tira, sono nati nel 1981 ed hanno disputato la loro prima amichevole nel 1982. Tra le prime squadre nel panorama del football italiano, hanno attraversato un momento d’incertezza a metà anni Novanta per poi rinascere con nuova linfa e riproporsi ai massimi livelli agli inizi del nuovo secolo. I trionfi negli Italian Super Bowl del 2010 e 2011 hanno permesso loro di mettersi alle spalle alcune finali perse, compresa quella del 2007 in cui la vittoria andò ai Lions Bergamo per 55-49 dopo due tempi supplementari. A quella partita presenziò lo scrittore John Grisham, il cui romanzo Playing for Pizza è ambientato proprio nell’ambito Panthers e ha fruttato al club una notevole popolarità anche oltreoceano, come confermano le periodiche visite di appassionati americani e le tante richieste di merchandising con il simbolo della pantera.  .I Warriors, nel loro trentunesimo anno di attività, affrontano il Kick-Off Classic con un organico in parte modificato e un coaching staff rinnovato. Toni Mangiafico, coach molto esperto che lo scorso anno aveva allenato la squadra Arena dei biancoblu, è stato promosso alla carica di allenatore capo al posto di Vinny Argondizzo, che resta come direttore sportivo e sarà responsabile del Blue Team, la nazionale. In campo, ai riconfermati Jordan Scott e Walter Peoples, running back e ricevitore/defensive back di alto e spettacolare valore, si è aggiunto un quarterback di grande potenziale come Eric Watt, proveniente dalla Trine University e vincitore nel 2010 del Gagliardi Trophy che va al miglior giocatore della Division III, in pratica un Heisman Trophy per atleti che prendono parte ad un campionato in cui il valore sul campo è abbinato in maniera indissolubile a quello negli studi. Il potenziale offensivo dei Warriors è completato dai ricevitori italiani, in primo luogo Mister 11.000 yards Mario Panzani, Marco Piva e Mattia Parlangeli, reduce da un periodo al college in Arizona con i compagni di squadra Giacomo Berti e Domenico Carroli, che però non saranno presenti nei primi mesi di stagione. Nella difesa, allenata da Mauro Solmi, può farsi sentire la perdita di Bernardoni, ma un grande aiuto può darlo contro i lanci ancora Peoples, defensive back di vocazione. Proprio Peoples è uno dei giocatori che maggiormente scalpita all’avvicinarsi del Kick-Off Classic: il suo infortunio nel secondo quarto dell’Italian Super Bowl del luglio scorso ebbe un peso rilevante nella sconfitta dei Warriors, e dopo un lungo periodo di riabilitazione, trascorso quasi interamente in Italia, è arrivato il momento del ritorno in campo per l’ex stella di Southeast Missouri State, amico d’infanzia e avversario di liceo di Prince Amukamara, cornerback dei New York Giants freschi campioni NFL. I Warriors Bologna, presieduti da Maurizio Benassi, sono nel loro trentunesimo anno di attività, e giocano le loro partite interne all’Alfheim Field, loro campo storico, situato presso il parco Lunetta Gamberini di Bologna. Nella loro storia hanno raggiunto il Super Bowl sette volte vincendo l’edizione del 1986, giocata allo Stadio Dall’Ara di Bologna, di fronte a oltre 25.000 spettatori. La IFL, Italian Football League, è la lega che sovrintende al massimo campionato di football italiano. Sono 12, due in più rispetto alla stagione 2011, le squadre partecipanti, tra cui la novità Daemons Martesana e il ritorno dei Lions Bergamo, la squadra più titolata del football nostrano. Dopo il Kick-Off Classic, nel weekend successivo si svolgerà il resto del programma della prima giornata. L’Italian Super Bowl si giocherà sabato 7 luglio allo Stadio Ossola di Varese.