Salernitana: scelte in itinere sbagliate

Luciano Provenza

Sicuramente una squadra che profonde un notevole impegno fisico e ci mette anche il cuore, frutto probabilmente dell’operato di mister Grassadonia. Questi prepara le partite con meticolosità, tant’è che la Salernitana va sempre in vantaggio nei minuti iniziali. Ma un allenatore, oltre a preparare le gare, deve leggere l’incontro ed essere in grado di  apportare i giusti correttivi. Sotto quest’aspetto, il giovane tecnico della Salernitana appare poco fortunato nelle scelte in itinere. Contro il Gallipoli, i Granata hanno l’abilità, e non la fortuna, di segnare subito con uno schema di gioco perfetto. In rete Soligo con la preparazione di Caputo e Ferrara. Si sfiora anche il raddoppio con Caputo, che con le sue caratteristiche, prima o poi, se fosse rimasto in campo, sarebbe stato una vera spina nel fianco nei sicuri contropiedi a cui il Gallipoli si sarebbe esposto per pareggiare.  Appare, invece, completamente fuori fase Jadid, visibilmente affaticato per le sue precarie condizioni di salute. Mister Grassadonia, meravigliando anche i commentatori di Sky, sull’uno a zero  richiama negli spogliatoi Caputo per far posto a Pestrin. La partita cambia volto.  I granata si disuniscono e il Gallipoli ne approfitta subito pareggiando. Un imperdonabile errore di lettura dell’incontro, che costa l‘ennesima sconfitta  alla Salernitana. V’è da sottolineare la grande signorilità di mister Castori, il quale, ospite negli studi Sky, spende parole d’incoraggiamento per la squadra e per i tifosi.  Dalle stazioni di Radio Bussola 24, più volte il sottoscritto ha sottolineato i limiti della squadra ed ha evidenziato come la scelta Grassadonia è stata dettata solo da motivi economici. Sostituire Cari è stato completamente inutile . Il presidente Lombardi difficilmente riuscirà a fare il miracolo, se non sceglierà un allenatore di prima fascia, garantendo allo stesso 5 o 6 rinforzi di categoria. Un’ultima considerazione: Grassadonia era l’allenatore della Primavera, di conseguenza conosceva bene l’organico a disposizione. Perchè ha accettato? Perché ci credeva, o forse ha ben pensato di utilizzare una panchina di serie B per promozionarsi? Ai lettori la risposta!