Salerno: Amministrative, Lega, Matteo Salvini “Centrodestra compatto, liberi cittadini per cambiamento politico”

Rita Occidente Lupo

“Centrodestra unito a Salerno per la testardaggine della Lega. Appena si voterà per le Politiche, il Centrodestra trionferà.” Il commento di Matteo Salvini, che intervenuto al Grand Hotel alla presentazione della lista leghista, in appoggio al candidato Sindaco Michele Sarno, ha lanciato strali al Governatore della Regione Campania Vincenzo De Luca, per il suo “far campagna elettorale” anche non essendo lui il candidato. “De Luca più che un Governatore, un monarca, che impone multe e divieti, Salernitani, persone di valore| Il lavoro, una piaga: imprenditori mi chiedono aiutini. Da rivedere Redditi di Cittadinanza. La nostra campagna elettorale diversa dalla Sinistra che c’ insulta, a Caserta dato al nostro candidato Sindaco del sagrestano: qui la differenza! Io non mi permetto di dire non votare a Sinistra a Salerno, hanno libertà di scegliere i cittadini. Oggi il Centrodestra è compatto, con candidato serio, con credenziali per vincere. Quando si passa tempo ad insultar qualcuno, indice di paura. Penso che il Governatore De Luca di paura ne abbia, avendone sbagliate tante in questi mesi. Sul Covid, invito a vaccinarsi, non sono No Vax, ma credo nella libertà di scelta, non come il PD, polemico su tutto. Siam uno dei Paesi più vaccinati d’Europa, ma rispetto la libertà di scelta individuale. Son contento d’aver ottenuto tamponi gratuiti con una battaglia in Parlamento in cui continuo battaglia per sicuro ritorno a scuola. Per le Comunali proponiamo una nostra idea di città, diversa da quella della Sinistra. Tanti mi hanno detto che da De Luca tanto fumo e poco arrosto. Tante barriere architettoniche, botteghe chiuse per concorrenza Amazon tasse salate pesano sui cittadini. Per noi, prima gl’Italiani! De Luca ha perso il contatto con la realtà: fa editti, si sente un monarca, che piazza figli in Campania. Mio figlio, se vorrà far politica, non lo farà col papà che lo colloca. A Salerno, come in altre città, il centrodestra è compatto: ce l’abbiam fatta a creare una squadra coerente. La partita è difficile, ma non impossibile. A Siena o Pisa da 50 anni vinceva la Sinistra, ma c’è stato il cambiamento: la gente ha voglia di cambiare. Investire questi giorni non parlando degli altri, ma del nostro Progetto per asili nido, disabili. Chiedo ad ogni sindaco d’istituire un Assessorato alla disabilità e di pensare ad abbattere barriere architettoniche. Stiamo combattendo per rottamare cartelle fiscali per tanti che non ce la fanno a saldarle: tasse patrimoniali, successione, su conti correnti. Non era momento di tassare Italiani nel re Covid, figurarsi ora!  Tra le mie battaglie, quella sulla difesa della  vita da inizio alla fine: la droga, sempre morte. Eppure, con nostra contrarietà, approvata la possibilità di coltivarsi in casa marjuana: c’era tale urgenza in questo momento pandemico? Altro tema nevralgico, quello del decreto Zan. Non vogliamo entrar nelle scelte sessuali dei singoli, ma per certi discorsi a bambini di 6 anni, da portar a scuola faremo le barricate. Punti di vista diversi i nostri da quelli della Sinistra. Quindi a Salerno si confronteranno tesi diverse. A differenza di chi ci taccia omofobi, io non attacco posizioni diverse, ognuno è libero. Siam in campo non contro PD, ma la rassegnazione dei Salernitani che non votano. Se si votasse oggi 1 su 2 starebbe a casa, facendosi scivolare la vita addosso e poi lamentandosi. Sicuramente ci rivedremo al ballottaggio. Con la lista Prima Salerno: precedenza agl’Italiani. Tema scottante, il Lavoro: chi non può lavorare perché fragile, giusto che venga aiutato dallo Stato, ma tra milioni che prendono reddito di Cittadinanza quanti s’imboscano? Il reddito ha creato lavoro nero. Con tali soldi si poteva allungare quota cento che scade a fine anno e poi si andrà in pensione a 67 anni, legge Fornero: faremo barricate per evitarla! Il voto di Salerno determinante!”. “Per la prima volta in città idea del cambiamento grazie al Centrodestra- ha concluso Sarno-. Non ci sono colori quando s’amministra comunità. Discriminato da anni chi di Destra: a tanti giovani negate possibilità perché non amici di chi al potere: la vittoria di Salerno ha valenza politica regionale e nazionale. Oggi, da sondaggi, partiti dal 5%,accreditano il 30% per ballottaggio. Se siam giunti a tale risultato, per la compattezza del Centrodestra. Il Presidente De Luca non dovrebbe scendere in campo in questo momento e far propaganda politica. E’ venuto a parlarci dell’aeroporto: capisco, forse per la voragine aperta nella zona orientale. Occorre camminar con aereo in città per carenti opere! Non abbiam paura del grande visir e di suo figlio, venuto a dirci che dall’altra parte della barricata c’è la nullità della proposta politica. Accetto da lui tale affermazione, perché la nullità è lui, bocciato elettoralmente nella sua città e recuperato dal padre in altro collegio.”