Salerno: Cisl, Sanità, chiarezza su incarico primario

Marino Francesco Segretario Provinciale CISL Medici con una nota vuole chiarezza sull’affidamento di un  incarico ad un primario ai sensi della legge 114/2014 chiedendo se non possano  esistere conflitti di interesse, quali sono i limiti e le competenze e se non è necessario stabilire una regolamentazione dei rapporti con il personale. Antonacchio: In una sanità in confusione tra funzioni e obiettivi l’atto mostra di voler gettare benzina sul fuoco

Art. 6 (Divieto di incarichi dirigenziali a soggetti in quiescenza)

1. All’articolo 5, comma 9, del decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 135, le parole da “a soggetti, già appartenenti ai ruoli delle stesse”  fino alla fine del comma sono sostituite dalle seguenti: “a soggetti già lavoratori privati o pubblici collocati in quiescenza. Alle suddette amministrazioni è, altresì, fatto divieto di conferire ai medesimi soggetti incarichi dirigenziali o direttivi o cariche in organi di governo delle amministrazioni di cui al primo periodo e degli enti e società da esse controllati, ad eccezione dei componenti delle giunte degli enti territoriali e dei componenti o titolari degli organi elettivi degli enti di cui all’articolo 2, comma 2-bis, del decreto-legge 31 agosto 2013, n. 101, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 ottobre 2013, n. 125. Incarichi e collaborazioni sono consentiti, esclusivamente a titolo gratuito e per una durata non superiore a un anno, non prorogabile né rinnovabile, presso ciascuna amministrazione. Devono essere rendicontati eventuali rimborsi di spese, corrisposti nei limiti fissati dall’organo competente dell’amministrazione interessata. Gli organi costituzionali si adeguano alle disposizioni del presente comma nell’ambito della propria autonomia”.

2. Le disposizioni dell’articolo 5, comma 9, del decreto-legge n. 95 del 2012, come modificato dal comma 1, si applicano agli incarichi conferiti a decorrere dalla data di entrata in vigore del presente decreto.

Un pensiero su “Salerno: Cisl, Sanità, chiarezza su incarico primario

  1. Un medico pensionato,con un incarico gratuito, NON è un PUBBLICO UFFICIALE,motivo per cui in UNA STRUTTURA PUBBLICA, come un Ospedale, NON può visitare nemmeno UN PAZIENTE! A che serve dargli un incarico,seppure a a titolo gratuito e per un anno, non rinnovabile? Ad occupare una sedia ed una scrivania, SENZA POTERE ESPLETARE ALCUNA ATTIVITA’ MEDICA, quindi a NON fare alcunchè. Se questo non è uno spreco lo si dimostri con serie argomentazioni.Perchè non fa il medico volontario, ad esempio con E-Emergency di Vittorio Strada, cosa possibile anche in Italia?

I commenti sono chiusi.