Cava de’ Tirreni: “Città Unita” taglio fondi disabili

Le pagine dei giornali locali di oggi evidenziano la contraddizione e il fallimento dell’amministrazione del Sindaco Marco Galdi. Difatti da una parte , a caratteri cubitali, si legge “Il comune taglia le vacanze dei disabili ” e, si badi bene, questo è il secondo anno che i poveri disabili, già in gravi difficoltà, non possono andare in vacanza in centri specializzati;dall’altra, invece , si parla dell’inutile, almeno per i cavesi, “nottata ellenica” , costata alle nostre tasche ben €. 15.000,00. Mi chiedo , i disabili e i cavesi tutti si chiedono: perché questi soldi non sono stati utilizzati per la costituzione di un fondo sociale e quindi per far trascorrere ai diversamente abili alcuni giorni di relax al mare? E lo stipendio del Sindaco dato al popolo Greco, non poteva essere messo a disposizione dei tanti poveri cittadini cavesi che non hanno neanche i soldi per un tozzo di pane o per far andare i disabili al mare? La risposta in verità è semplice: o il Sindaco ha intenzione di candidarsi in qualche sperduto paese del “Peloponneso”, e tutti ce lo auguriamo ; o, come più probabile, mira a una poltrona in Europa a spese e alla faccia dei cavesi, e , soprattutto , al voto dei tanti Greci in Italia…., abbandonando Cava e i Cavesi al loro triste destino , tradendoli . E poiché già in passato si è macchiato di spergiuro , temiamo il ripetersi recidivante. Fra un anno vedremo. E se così sarà ci penserà Cava a farlo andare …non in Europa ma in esilio in Grecia. In entrambi i casi, però, Cava e i Cavesi si libereranno, finalmente, di questo Sindaco che non riesce a garantire e tutelare le fasce deboli (anziani, disabili, minori) italiani, ma invece si preoccupa di quelli Greci…. Bravo Sindaco, i Cavesi Ti ringraziano e si ricorderanno di te alle prossima elezioni.

 avv. Marco Senatore

Consigliere Comunale dell’ Associazione “CITTA’ UNITA”