Regione: Baldi sui parchi regionali

Con un decreto dirigenziale, emanato alla vigilia di Ferragosto, la Regione ha riproposto il divieto di accesso ai non residenti nelle aree contigue ai parchi regionali. Si cancella di fatto uno dei risultati delle battaglie portate avanti dal mondo venatorio in questi ultimi anni e che aveva trovato nella nuova legge regionale sulla Caccia, licenziata poche settimane fa anche grazie al lavoro di impostazione  e al pressing politico dell’on. Giovanni Baldi, un parziale ristoro rispetto ad anni di scontri e ingiustizie patite: la possibilità per i non residenti di accedere alle aree contigue ai parchi regionali fino al raggiungimento della densità venatoria. Intanto, di fatto, il Tar ha bloccato la pre apertura della Caccia accogliendo in via cautelare il ricorso presentato dal WWF per motivi legati all’intensificati fenomeni degli incendi boschivi e della siccità, e rimandando ogni altra decisione successiva alla ripresa dei lavori il 12 settembre.“Un atto quello dirigenziale che, seppur anticipato negli effetti negativi per il mondo venatorio dalla recente sentenza, non possiamo accettare  tout court- ha ribadito l’on. Giovanni Baldi, solidale con i cacciatori tagliati fuori dalle aree contigue- A maggior ragione perché emanato in un blitz ferragostano a pochi giorni  dalla riapertura della stagione venatoria. Si è  creato un diffuso malessere e altrettanto scontento nel mondo dei cacciatori che invece aveva accolto con moderata soddisfazione la nuova legge sulla caccia da pochi giorni licenziata dal Consiglio regionale. Alla ripresa delle attività regionali chiederò un immediato decreto di rettifica  con il quale  si dovrà ribadire che fino al raggiungimento della densità venatoria sarà possibile anche per i non residenti andare a caccia nelle aree contigue ai parchi della Campania. Non devono spaventarci lo spauracchio di ricorsi o delle  azioni di chi potrebbe impugnarlo. A noi politici toccherà impegnarci intanto su azioni più incisive quali le modifiche alle  perimetrazioni delle aree contigue, con una loro sensibile riduzione territoriale e dei vincoli annessi”.

 

2 pensieri su “Regione: Baldi sui parchi regionali

  1. Questi sigg.ri ci tentano sempre.
    Invece di inveire perchè non si preoccupano un po’ di più di insegnare ai loro iscritti un po’ di rispetto per la natura e la vita e anche le esigenze e i diritti di chi vi abita e lavora la terra in queste aree, esigenze e diritti troppo spesso calpestati.
    Onofrio Infantile
    Sab.25 agosto 2012

  2. Egr. On. Baldi lei e sempre vocino ai cacciatori sapendo tra l altro che noi popolino di cacciatori non siamo piromani non siamo ladri ed assassini non viviamo sulle spalle della società e non rallentiamo l economia ….. La ringrazio che nelle discussioni e soprattutto nelle accuse di prendere le nostre difese ….. Un forte grido lo mando agli ambientalisti che credo siamo i primi piromani in Italia la dove monti taglia loro non vogliono tagliare nulla ed e rimanere parassiti della società l addove fanno retrocedere l economia con investimenti sbagliati e speculativi verso il governo….. La ringrazio un buon lavoro dagli amici Cacciatori

I commenti sono chiusi.