Cgil sulla Pellezzano Servizi

Egr. Dirigente, Egr. Sindaco, abbiamo avuto modo di prendere visione dell’atto in oggetto richiamato e riteniamo che esso sia censurabile sotto il profilo della opportunità così come della piena legittimità. Preliminarmente è bene chiarire ancora una volta che lo stato di cose venutosi a determinare presso il Vostro Comune è riconducibile esclusivamente a responsabilità dell’Ente Comune e della Società “Pellezzano Servizi” interamente partecipata. I lavoratori da mesi sono senza stipendio alcuno e nonostante le promesse e gli accordi pregressi -da ultimo si richiama il verbale del 23 Maggio 2011 sottoscritto presso la Prefettura di Salerno – hanno sempre garantito la propria prestazione lavorativa, nonostante ulteriori gravi carenze ad ommissioni da parte dell’Ente datore. L’esasperazione odierna,i cui confini non sono conosciuti, la sostanziale delegittimazione anche del ruolo e della funzione del sindacato e la scelta, unilaterale di avviare forme di lotta estreme devono essere inquadrate “ nell’esasperato bisogno” di avere subito la giusta retribuzione (le diverse mensilità arretrate) per poter far fronte agli atti quotidiani ed elementari della vita e per poter assicurare a se stessi e alle proprie famiglie una esistenza libera e dignitosa.Tornando al richiamato atto,esso, visto il clima e l’esasperazione rappresentateVi, non fa altro che alimentare ulteriormente “ la incontrollabile rabbia” degli addetti tutti e l’aver conferito, al di fuori di ogni regola ad in assenza della necessarie garanzia di legge, l’incarico di rimuovere i rifiuti ad altra Ditta potrebbe alimentare “ scontri tra poveri”. Crediamo che il Vostro su richiamato atto sia viziato da “incompetenza assoluta” visto che il Dirigente non ha i poteri e le attribuzioni per poter dichiarare “l’urgenza” in un settore (quello delle ordinanze) che per legge sono di esclusiva competenza del Sindaco (ex art. 50 e 54 Dec. Legs. N°267/00 ) Orbene Vi chiediamo e ci chiediamo :

a)      A quanto ammonta il costo complessivo di tale affidamento e perché non si indica, nell’atto citato,il capitolo di spesa a cui sarà imputato;

b)      Dove si trovano i soldi per coprire l’ulteriore costo visto che l’Ente dichiara di non avere risorse;

c)      La Ditta incaricata(specializzata per come da Voi dichiarato), deve essere iscritta nell’apposito Albo Regionale,dotata di specifica autorizzazioni a scaricare  in discarica.

dove saranno trasferiti i rifiuti visto che la Vostra discarica, sita in Pellezzano, non avrebbe tutti i necessari requisiti?!?

Per tutte le preoccupazioni espresse e visto che lo stato di tensione potrebbe essere ulteriormente alimentato da “ sconsiderate ed inopportune scelte” così come quelle previste dall’avversato atto in oggetto, Vi chiediamo, per il senso di responsabilità che deve contraddistinguere  tutte le parti in causa, di revocare e/o sospendere il provvedimento su richiamato, di dare corso alle intese intervenute nel verbale prefettizio del 23 Maggio 2011, di convocare, ad oras un tavolo di crisi permanente capace di monitorare e gestire la vertenza in atto producendo ogni sforzo per dare concrete risposte ai lavoratori ormai prossimi al collasso finanziario e psicologico. Al Signor Prefetto chiediamo un incisivo intervento nella direzione degli impegni precedentemente concordati(verbale del 23 Maggio 2011). In assenza, questa O.S., conferma la prima giornata di Sciopero già indetta, a seguito dello spostamento voluto dalla Commissione di Garanzia, per il giorno 17/06/2011. Segreteria CGIL FP Salerno Angelo De Angelis