Mercato San Severino: militari in Libano

C’e’ anche un pezzo del cuore della citta’ di Mercato S.Severino che pulsa in Libano. Otto soldati sanseverinesi, in forza al 10° Reggimento “Manovre” di Persano e ad altri reparti nazionali, sono in missione di pace nel Paese dei cedri. I militari sanseverinesi sono assegnati alla base di Shama, nell’ambito dell’operazione “Unifil” (ONU), denominata “Leonte”. Si tratta del Tenente Colonnello Nello Sabato, del Tenente Mario Luigi Russo, del Tenente Alessandro Guadagno, del 1° maresciallo Giuseppe Fierro, del Sergente Luca Marsocci, del Caporal Maggiore Carlo Landi, del 1° Caporal Maggiore Emilio Esposito, del Caporale Luigi Cerrato. I militari sanseverinesi ricoprono diverse mansioni: monitorare il confine tra gli Stati di Israele e del Libano, teatro di scontri negli anni passati, collaborazione con le forze libanesi per la crescita civile e militare del loro Paese, cura dell’attivita’ logistica, rifornimento dei materiali agli altri reparti operativi, attivita’ di interventi correttivi e preventivi a favore dei mezzi e materiale del contingente. La missione e’ iniziata nello scorso mese di febbraio e terminera’ nel prossimo mese di luglio. I soldati sanseverinesi sono accolti con simpatia ed affetto dai cittadini libanesi, come capita a tutte le forze armate italiane quando operano all’estero, grazie al calore umano che riescono a trasmettere e che e’ un elemento caratterizzante del popolo italiano. Nel tempo libero, i soldati sansverinesi socializzano tra di loro, si rilassano, fanno attivita’ fisica, vedono la tv, o si tengono in contatto con i loro parenti ed amici tramite internet ed i social-network, come facebook. “Abbiamo appreso della missione dei soldati sanseverinesi in Libano da pochi giorni – afferma Giovanni Romano, Sindaco di Mercato S.Severino ed Assessore regionale all’Ambiente -, e, a nome dell’intera comunita’ sanseverinese, esprimo loro la nostra vicinanza, la nostra gratitudine, il nostro affetto. Si tratta di militari professionisti che non esitano a mostrare il lato umano che e’ tipico di noi italiani e che ci rende molto amati e rispettati anche all’estero. Con loro in Libano, c’e’ anche un pezzo di Mercato S.Severino, che vanta una buona tradizione nelle forze armate, grazie a tanti cittadini arruolati nei corpi militari. Aspettiamo che questi nostri ragazzi rientrino in Patria, magari per poterli incontrare al Comune, abbracciarli ed ascoltare le loro testimonianze”.