Carpedil Ipervigile Battipaglia ultimo sforzo per conquistare l’A2

 Inizia nel migliore dei modi l’avventura per la Carpedil Ipervigile Battipaglia nell’ultimo atto degli spareggi promozione. Il concentramento, cominciato ieri a Senigallia con il primo match tra Viticoltori del Bronese Broni 93 e Basket Femminile Stabia – terminato per 59-49 -, ha visto il roster allenato da Gigi Salineri imporsi con il risultato di 76-45 sul Basket Femminile Stabia, compagine che durante la regular season ha militato insieme alla Carpedil nel girone C2 del campionato di B d’Eccellenza. La formazione della Piana del Sele si conferma così vera e propria bestia nera per il roster stabiese che in campionato, sia nel girone d’andata (67-55 il risultato finale a favore della Carpedil Ipervigile) che in quello di ritorno (67-53), non è mai riuscito ad imporsi sulle biancorosse. Non c’è tempo, però, di fermarsi a festeggiare la sonante vittoria ottenuta sul parquet del palasport ‘Panzini’, perché domani le ragazze care al presidente Angela Somma dovranno compiere un ulteriore sforzo per sancire definitivamente il salto di categoria. Sempre alle 18, infatti, la Carpedil Ipervigile Battipaglia sarà chiamata ad affrontare, in occasione della terza giornata del concentramento, la formazione del Viticoltori del Bronese Broni 93. L’appuntamento, quindi, è domani nuovamente alle ore 18 al palasport ‘Panzini’ di Senigallia. Venendo al dato tecnico, contro lo Stabia in terra marchigiana non c’è stata partita. Guida e compagne, infatti, ingranano le marce alte sin dai minuti iniziali del primo quarto dimostrando grande grinta, concentrazione e determinazione, fattori fondamentali a puntare senza indugi all’obiettivo stagionale più volte dichiarato dalla stessa Angela Somma. Scongiurati così i cali di tensione, un po’ il tallone d’achille che ha caratterizzato l’intera stagione del roster battipagliese, le biancorosse non hanno abbassato per un solo attimo la guardia tenendo sempre testa alle stabiesi e dimostrando di esser più forti sia sotto il profilo tecnico che tattico. Pronti via e nei primi minuti di gioco Potolicchio, autrice di due contropiedi micidiali, porta subito le biancorosse sul 4-0. Alla partenza-sprint fanno seguito delle giocate superlative del roster di Gigi Salineri che, dopo soli 3 minuti, si ritrova avanti sullo Stabia per 8-0. Passano 7 giri di lancette ed il gap sulle stabiesi aumenta: 17-2. Fondamentale per il vantaggio iniziale il muro difensivo insormontabile alzato da Basso e Bona. Chiuso il primo parziale sul 29-8 la Carpedil torna a calpestare il parquet del ‘Panzini’ più agguerrita che mai. La partita, infatti, continua ad essere a senso unico e le biancorosse allungano il passo andando al riposo lungo con il risultato di 49-18. Salineri, in vista del delicato e decisivo impegno di domani con il Broni, decide di attuare un massiccio turn over. Spazio, dunque, a tutte le ragazze al fine di evitare inutili sprechi di energie ed il terzo parziale si chiude sul 62-32 sempre a favore del roster salernitano. L’ultimo intermedio è una pura formalità. La Carpedil Ipervigile Battipaglia batte lo Stabia e guarda con ottimismo alla sfida di domani con Viticoltori del Bronese Broni 93. Così coach Salineri al termine della gara ha commentato il match contro le stabiesi: “Ci siamo presentati bene a questa fase finale della stagione. Ero preoccupato per l’impatto ma devo dire che la squadra ha risposto nella maniera migliore. E’ inutile negarlo: non c’è mai stata partita. Posso affermare con convinzione, a questo punto, che siamo pronti a giocarci, nella gara dell’anno in programma domani, il tutto per tutto per il salto di categoria. Ogni gara secca, però, ha le sue incognite. Le mie ragazze mi sono sembrate abbastanza cariche e determinate e sono fiducioso. Ecco perché ad un certo punto del match ho completamente stravolto la rotazione dei quintetti dando molto spazio a tutte. Il turn over è stato fondamentale per evitare dispendio inutile di forze fisiche e mentali. Nonostante lo score finale della gara, gli avversari sono risultati degni del nostro massimo rispetto. Adesso ci aspetta la sfida decisiva con il Broni. Senza dubbio un’ottima squadra ma, per la storia dell’intera regular season, noi meritiamo la promozione molto più di loro”.