Home » Immigrazione

Salerno: Prefettura, procedure ingresso extra-comunitari

Inserito da on 19 gennaio 2011 – 00:00No Comment

Nel corso di una riunione del Consiglio territoriale per l’immigrazione, presieduta dal Prefetto Sabatino Marchione, sono state illustrate le procedure  per l’ingresso dei lavoratori extra-comunitari, previste dal Decreto flussi emanato con D.P.C.M. 30/11/2010, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 305 del 31 dicembre 2010. Il decreto prevede l’ammissione in Italia, per motivi di lavoro non stagionale, di cittadini stranieri non comunitari entro una quota massima di 98.080 unità. Le modalità di presentazione delle domande sono riportate nella circolare esplicativa consultabile sul sito del Ministero dell’Interno www.interno.it. Sullo stesso sito è possibile accedere alle procedure per la compilazione e l’inoltro delle istanze, che potranno essere presentate esclusivamente attraverso il sistema telematico. Le procedure sono analoghe a quelle già sperimentate negli anni scorsi. Questa volta tuttavia non sarà necessario scaricare un apposito software ma sarà possibile compilare e inviare la domanda direttamente dal sito del Ministero ricevendo immediatamente la conferma di ricezione senza dover attendere l’invio di una email di conferma  come nel passato. Dal 17 gennaio è già disponibile, sul sito, l’applicativo per la compilazione delle istanze e un servizio di assistenza telematica Help Desk. A partire dalle ore 8,00 del 31 gennaio 2011 potranno essere inviate esclusivamente le istanze relative ai lavoratori delle nazionalità ‘privilegiate’ specificate nel  D.P.C.M., cioè cittadini albanesi, algerini, del Bangladesh, egiziani, filippini, ghanesi, marocchini, moldavi, nigeriani, pakistani, senegalesi, somali, dello Sri Lanka, tunisini, indiani, peruviani, ucraini, del Niger, del Gambia e di altri Paesi non appartenenti all’UE che concludano accordi per la regolamentazione dei flussi di ingresso e delle procedure di riammissione. Per i lavoratori provenienti dagli altri Paesi, invece, le domande potranno essere inviate: – dalle ore 8,00 del 2 febbraio 2011, per il settore del lavoro domestico e di assistenza e cura alla persona; – dalle ore 8,00 del 3 febbraio 2011, per tutti i restanti settori. Durante la riunione è stata richiamata ancora l’attenzione sulla nuova procedura di rilascio del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo (ex carta di soggiorno) che subordina il rilascio del permesso al superamento di un test di conoscenza della lingua italiana. Anche l’istanza per sostenere questa prova deve essere compilata e inoltrata in via telematica attraverso il sito internet del Ministero dell’Interno (http://testitaliano.interno.it/). Successivamente la Prefettura invierà la convocazione dell’interessato all’indirizzo indicato nell’istanza, precisando la data ed il luogo di svolgimento del test in una delle sedi concordate con l’Ufficio scolastico provinciale. Ulteriori informazioni potranno essere richieste presso lo Sportello Unico per l’Immigrazione della Prefettura (immigrazione.pref_salerno@interno.it). DECRETO FLUSSI 2010 – RIEPILOGO SU SCALA NAZIONALE

INGRESSI

ingressi per lavoro subordinato, in tutti i settori, riservati a cittadini di Paesi che hanno accordi con l’Italia;

52.080*

ingressi per lavoro domestico (colf, badanti, babysitter ecc.) di cittadini di Paesi che non hanno quote riservate;

30.000

ingressi riservati a cittadini stranieri che hanno completato programmi di formazione e istruzione nel Paese di origine;

4.000

ingressi riservati a lavoratori subordinati e autonomi di origine italiana (genitori, nonni o bisnonni italiani) residenti in Argentina, Uruguay, Venezuela o Brasile e inseriti negli elenchi dei lavoratori presso i consolati italiani

500

CONVERSIONI

permessi per studio in permessi per lavoro subordinato

3. 000

permessi per tirocinio e/o formazione in permessi per lavoro subordinato

3.000

permessi per lavoro stagionale in permessi per lavoro subordinato

4.000

permessi di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo rilasciati da altri paesi Ue in permessi per lavoro subordinato

1.000

permessi di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo rilasciati da altri paesi Ue in permessi per lavoro autonomo

500

TOTALE

98.080

*4500 Albania; 1000 Algeria; 2400 Bangladesh; 8000 Egitto; 4000 Filippine; 2000 Ghana; 4500 Marocco; 5200 Moldavia; 1500 Nigeria; 1000 Pakistan; 2000 Senegal; 80 Somalia; 3500 Sri Lanka; 4000 Tunisia; 1800 India; 1800 Perù; 1800 Ucraina; 1000 Niger; 1000 Gambia; 1000 altri Paesi non UE che concludano accordi con l’Italia.

 

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.