Campania: neosenatore Orfeo Mazzella (M5S) “Lotterò per fragili e contro autonomia regionale»senatore Orfeo Mazzella (M5S) “Lotterò per fragili e contro autonomia regionale”

Campania: neosenatore Orfeo Mazzella (M5S) “Lotterò per fragili e contro autonomia regionale»senatore Orfeo Mazzella (M5S) “Lotterò per fragili e contro autonomia regionale”

Con 100.199 voti e una percentuale del 35.24% Orfeo Mazzella, candidato del M5S, ha conquistato il Collegio Uninominale U06 del Senato, battendo la leghista Pina Castiello, candidata del centrodestra.

«La mia elezione» – dichiara il medico ambientalista oplontino – «conferma la capacità del M5S di intercettare e offrire realmente risposte ai bisogni dei cittadini di questo territorio. Ho assunto l’impegno di proteggere i 43 comuni del mio collegio – che per la ricchezza del suo patrimonio naturale, artistico e culturale ho ribattezzato il “collegio della bellezza” – dalle disastrose conseguenze dell’autonomia regionale differenziata proposta da una Lega che già cantava vittoria mentre, nel provare a rastrellare voti al Meridione, taceva sempre i veri contraccolpi di un progetto politico perseguito egoisticamente dalle regioni più ricche del Centro Nord a discapito del Sud. Contro l’autonomia differenziata mi batterò con tutte le mie forze in Senato.

Così come continuerò a combattere per difendere il reddito di cittadinanza, per le piccole e medie imprese e l’occupazione giovanile, per i disabili, per il diritto a una sanità pubblica e per l’ambiente, proseguendo le iniziative già intraprese, in particolare per il disinquinamento del bacino idrografico del fiume Sarno.

Oggi ringrazio il Presidente Giuseppe Conte per la fiducia riposta nella mia candidatura, l’ex vicepresidente della Camera Luigi Gallo che mi ha sostenuto in questo percorso, gli attivisti e i consiglieri comunali M5S del collegio e i gruppi territoriali M5S di Torre Annunziata e Trecase, con cui continueremo a lavorare per costruire il rilancio di una terra da troppo tempo ostaggio della cattiva politica e dell’illegalità e che finalmente, dopo molti anni, è riuscita a esprimere di nuovo un suo rappresentante in Parlamento. Dedico questa vittoria alla mia compagna Adele che è uno dei motivi più profondi ed intimi per le battaglie fin qui sostenute e da sostenere».