Eboli: patrimonio edilizio scolastico, controllo sicurezza sismica

Eboli: patrimonio edilizio scolastico, controllo sicurezza sismica

Proseguendo l’opera iniziata dal Commissario De Iesu, sono in corso le verifiche della tenuta sismica di alcuni edifici scolastici cittadini. Riteniamo, infatti, che sia assolutamente indispensabile tale controllo perché ne va della sicurezza sia degli alunni che del personale scolastico. Nell’ambito di tale verifica il primo risultato emerso, certo ed inequivocabile, è che il plesso del Molinello non ha superato gli standard minimi previsti dalla legge (come si evince da perizia tecnica strutturale presentata da una ditta esterna) e pertanto è stata emessa ordinanza di chiusura. Nel corso di un incontro, cordiale e proficuo, tenutosi ieri mattina alla presenza dell’assessore Marisei, dei funzionari Cerruti e Iorio, nonché della dirigente Elisa Scattaretico e delle sue collaboratrici, è emersa la possibilità che i bambini del plesso del Molinello, pur con qualche difficoltà logistica, possano essere ospitati alla Giacinto Romano, sul presupposto di realizzare un  intervento urgente di riqualificazione del solaio di copertura dell’edificio e rendere agibili alcune aule non utilizzate per copiose infiltrazioni. Si precisa che tale intervento, che prevede anche l’efficientamento termico del solaio, è già stato programmato nel recente Piano Triennale delle Opere Pubbliche, approvato il 19 maggio, per un importo di 65mila euro.

L’incontro si è concluso con l’impegno reciproco di ulteriori verifiche e di stesura di un cronoprogramma delle prossime azioni.  Allo stato non si è assolutamente discusso di doppi turni. Anzi. Si precisa che l’edificio scolastico del Molinello non potrà essere utilizzato per nessuna attività aperta al pubblico, non essendovi assolutamente la possibilità di garantire la sicurezza dell’edificio (rispetto ad un minimo richiesto dalla legge di indice di vulnerabilità pari al 60%, al Molinello l’indice verificato è del 15%).

In ogni caso, l’obiettivo dell’Amministrazione è costruire nuove scuole, moderne, antisismiche ed adeguate agli standard di legge, sia per gli spazi interni che esterni, con attrezzature per lo sport e la didattica al passo con i tempi. Nel Piano Triennale delle Opere Pubbliche vi è un importante programmazione in questa direzione, sia a valere sul PNRR, sia a valere su fondi comunitari, nazionali e regionali, sia infine a valere sulle risorse specificatamente dedicate all’efficientamento energetico delle scuole (fondo termico del GSE e fondo Kyoto 5).

Il patrimonio edilizio scolastico di Eboli è infatti vetusto e necessita di importanti interventi di ristrutturazione, efficientamento energetico, consolidamento sismico, laddove necessario e possibile, e adeguamento ai nuovi standard di legge. L’amministrazione ha programmato, fin dal suo insediamento, importanti investimenti in questa direzione anche utilizzando fondi già disponibili.

Sono infatti già in corso lavori di rifacimento della guaina sul tetto della Matteo Ripa per eliminare le infiltrazioni d’acqua, anche in questo caso con l’efficientamento termico del solaio come per la Giacinto Romano. In entrambi i casi, infatti, la nuova guaina farà da cappotto termico e sarà ultimata prima dell’inizio del nuovo anno scolastico. Sono, altresì, in corso lavori all’impianto di climatizzazione della scuola a Cioffi e di adeguamento antincendio in diversi istituti, come ad esempio nella scuola dell’Infanzia Virgilio.

E’ programmato e a breve sarà avviata anche la riqualificazione della palestra del Matteo Ripa.

Nel quadro dell’ammodernamento complessivo delle scuole cittadine si sta lavorando a tutti gli impianti termici per risolvere i problemi ereditati che hanno compromesso l’inizio dello scorso anno scolastico.