“La Camera Municipale di Conciliazione di Roccadaspide”

Il servizio è attivo a Roccadaspide il Lunedì: dalle ore 9,00 alle ore 12,30; il Mercoledì: dalle ore 13,00 alle ore 18,00 e il Venerdì: dalle ore 9,30 alle ore 13,00 presso la Casa Comunale, sita alla via Gaetano Giuliani – 1° Piano. Il tentativo di mediazione è obbligatorio, ai sensi dell’art. 5 del D. Lgs. n. 28 del 2010, pena l’improcedibilità di ogni domanda giudiziaria nelle seguenti materie: diritti reali (ossia tutte le vertenze sulla proprietà, possesso e servitù), divisione delle comunioni e successioni ereditarie, patti di famiglia, locazione di immobili, comodato, affitto di aziende, responsabilità medica e diffamazione con il mezzo della stampa o con altro mezzo di pubblicità. Inoltre, per i contratti assicurativi, bancari e finanziari, e dal prossimo marzo anche per le controversie condominiali e in materia di risarcimento del danno derivante dalla circolazione di veicoli e natanti. Per tutte le suindicate materie se non ci si rivolge preventivamente ad un organismo di mediazione il soggetto che inizia una causa potrà essere condannato al versamento di una somma ulteriore pari a quella del contributo unificato già versata allo Stato. Per garantire, quindi, questo importante ed essenziale servizio a tutta la popolazione, l’Amministrazione ha ritenuto necessario e doveroso attivare questo indispensabile strumento, nella consapevolezza di soddisfare le esigenze della Cittadinanza tutta che, quindi, potrà rivolgersi alla Camera conciliativa per le controversie innanzi indicate. Si invitano, pertanto, tutti i Cittadini e gli operatori della Giustizia interessati a valutare la possibilità, laddove si trovino nella condizione di doverlo fare, di accedere al servizio giustizia rivolgendosi alla “Camera Municipale di Conciliazione di Roccadaspide”, la quale per il tramite l’Organismo nazionale di mediazione As-connet garantirà ed assicurerà la professionalità dei mediatori, la loro assoluta indipendenza e riservatezza, oltre che un servizio a costi limitati in forza delle condizioni concordate con l’Amministrazione Comunale.

Dalla residenza Municipale, lì 06/02/2012