Campania: Confagricoltura “Politica agricola comune inadeguata”

Campania: Confagricoltura “Politica agricola comune inadeguata”

Assicurare un reddito adeguato ai produttori agricoli; migliorare la sostenibilità ambientale senza tagli produttivi; favorire la diffusione delle innovazioni tecnologiche per far fronte alle sfide del cambiamento climatico, salvaguardare i prodotti italiani ed europei nei confronti di una concorrenza non allineata con le regole dell’Unione in materia di sicurezza alimentare, tutela delle risorse naturali e del lavoro, benessere degli animali.

Sono questi gli obiettivi che  Confagricoltura intende raggiungere a Bruxelles – spiega Fabrizio Marzano, presidente di Confagricoltura Campania –  dove il 26 febbraio prossimo terremo un’assemblea straordinaria, durante la quale verrà illustrata la visione dell’Associazione sul futuro dell’agricoltura e sulla nuova PAC”.

Come è noto, Confagricoltura è stata sempre critica verso la Politica agricola comune attuale “in quanto – afferma Marzano –  la riteniamo inadeguata rispetto alle reali esigenze di produttività e competitività delle imprese agricole. Oggi la nostra posizione è condivisa a livello diffuso. Segno che la linea intrapresa da Confagricoltura è quella giusta”.

Tra le tante cose che non convincevano e non convincono della Pac attuale  c’è il “Green Deal”.

La Commissione europea in carica  – chiarisce Marzano – ha sempre manifestato un atteggiamento ideologico negativo nei confronti dell’impatto ambientale dell’agricoltura e, in particolare, della zootecnia.. Ecco perché, nel tempo che resta a disposizione prima della conclusione della legislatura europea, occorre puntare a bloccare l’entrata in vigore delle intese raggiunte sul GREEN DEAl. Poi, dopo le elezioni di giugno al Parlamento europeo e l’insediamento della nuova Commissione, i testi potranno essere rivisti e aggiornati per far coesistere, grazie alle innovazioni tecnologiche, la sostenibilità ambientale con quella economica delle imprese agricole”.

Ci sono poi obiettivi che vanno perseguiti in Italia, e tra questi la reintroduzione degli sgravi fiscali che sono stati cancellati nell’ultima Finanziaria. “Abbiamo in corso un’interlocuzione  proficua con il ministro Lollobrigida – conclude Marzano  – e non è escluso che a breve potranno esserci notizie positive su questo versante.  Inoltre, ciò che serve e che può fare il Governo italiano è una piano pluriennale per l’agricoltura, cosa che è sempre mancata”.