Capri: Unc, definire turnazioni invernali, per limitare desertificazione e degrado sociale, tutelare centri storici e garantire servizi

Mancano pochi giorni ormai alla fine della stagione turistica. Alcune attività commerciali stanno iniziando a chiudere i battenti. Qualcuno ha deciso di chiudere addirittura anzitempo, lasciando indecorosamente sulle vetrine delle proprie attività, senza alcun rispetto nei confronti degli altri esercenti e della popolazione, fogli di carta con incisi il nome della propria azienda. Giusto l’intervento sanzionatorio del Comune in ottemperanza alle ordinanze in tema di decoro. Ma cosa ci sarà da novembre a marzo?
In vista dell’imminente stagione invernale, abbiamo, quindi, scritto ai sindaci dei due comuni di Capri ed Anacapri, ai presidenti delle sezioni Ascom dei due comuni, al Presidente della Federalberghi al fine di chiedere concordare un piano di turnazioni delle attività commerciali presenti nei centri storici, con l’intervento di tutte le associazioni di categoria presenti sul territorio isolano, in particolare i punti di aggregazione sociale, e di informare da subito la cittadinanza di quali iniziative sono state poste in essere. Inoltre abbiamo proposto, considerato che i due comuni stanno mettendo mano alla redazione dei piani urbanistici comunali, di realizzare nuovi strumenti di intervento dell’apparato distributivo, che con la nuova legge regionale, nr.1/2014, consentono maggiore tutela nei centri storici delle isole e addirittura vincolare dal punto di vista urbanistico-
commerciale alcune attività e preesistenze storiche.