(IN)sostenibilità ambientale,“multe” elevate dal pianeta Terra e 6 energie alternative: Tesla scoprì il 7° esemplare, l’energia libera

Giuffrida Farina

Una reale sequenza di leggi perentoriamente ‘pro ambiente’ coinvolgenti la sostenibilità ambientale, da far rispettare o da emanare; sarebbe inoltre idonea una ideale norma ‘ad magno ingenio’, ipotetica  legge ufficializzante una Intelligenza Leonardesca quale seconda grande Genialità della storia, inventore titolare di oltre 700 brevetti (analogamente al gigantesco Leonardo, Talento più copiato della storia, lo scienziato serbo fu il Genio più truffato della storia, in quanto privato dei guadagni di oltre suoi 200 brevetti regolarmente registrati), estroso personaggio detestante orecchini e capelli (?!), altre manie ossessive si manifestavano nel contare i passi mentre camminava e nel calcolare il volume del contenuto di tazzine di caffè e di alimenti: «Alimenti e bevande non le gusto se non effettuo questi conteggi», annotava Nikola Tesla.

Emblematica è la vicenda che lo vide coinvolto insieme a Thomas Edison:quest’ultimo,grosso industriale affarista, nel 1889 promise al suo dipendente Tesla la congrua ricompensa/premio di 50mila dollari qualora fosse riuscito nell’impresa di aumentare il rendimento di alcune macchine elettriche, ma non mantenne la parola data sebbene fossero state notevolmente migliorate le prestazioni e  l’efficienza energetica di questi componenti elettrici, il triste episodio indusse al licenziamento lo scienziato serbo. Padre della ingegneria elettrica e definito: ’l’uomo che inventò il Ventesimo secolo’. Ma procediamo con ordine, partendo dalle energie pulite, analizzando 6 energie che non danneggiano l’ambiente, poi descriveremo il 7° tipo energetico, Tesla intendeva sfruttarlo, ma non gli fu concessa l’opportunità.

Oggi si parla di fonti energetiche alternative e di energie rinnovabili quali scelte idonee per la sostenibilità ambientale, l’emergenza ambientale è spinta propulsiva per la green economy; un settore industriale che attualmente vale, in Italia, all’incirca 100 miliardi di euro. Quali energie sono pulite ed affidabili? Sono: energia solare (definita, alternativamente, fotovoltaica), eolica, idroelettrica, quella estraibile da biomasse e da moti ondosi (maree), infine l’energia geotermica. L’energia idroelettrica è energia elettrica generata dalla energia cinetica di masse d’acqua in movimento, fornisce quasi un quinto dell’elettricità mondiale; Stati Uniti e Russia sono tra i maggiori produttori. Energia geotermica: sfrutta il calore del sottosuolo, in Islanda rappresenta il 30% di produzione d’elettricità, negli Stati Uniti è inferiore all’1%. La tecnologia solare impiega pannelli solari sui quali impatta la luce del sole, l’energia luminosa viene poi convertita in energia elettrica. L’impiego di energia proveniente da radiazioni solari ha avuto un sensibile incremento negli ultimi 15 anni, soprattutto in Giappone, Germania e Stati Uniti. Diversi progetti europei di ricerca, stanno sperimentando l’energia scaturente dai movimenti ondosi delle maree oppure ricavabile da biomasse, risorse organiche utilizzate quali combustibili. Dunque, nello scenario energetico mondiale si stanno categoricamente imponendo le ‘fonti rinnovabili’; all’opposto, l’utilizzo di combustibili fossili (principalmente il carbone) è, e sarà in misura sempre più sensibile, in fase decrescente. L’AIE (Agenzia Internazionale della Energia) ha evidenziato l’anno 2040, entro il quale le fonti energetiche rinnovabili riusciranno a coprire il 40% di domanda d’energia. Per quel che concerne l’energia solare e l’energia eolica, Elios ed Eolo gioiranno, potranno impugnare lo scettro di future regine energetiche: l’energia solare e l’energia del vento sono destinate (in virtù del primato di economicità, dell’incremento della loro efficienza di produzione, della riduzione dei prezzi) a diventare le principali fonti di energia elettrica nell’Unione Europea. Infine, una “neo energia”, l’Energia Libera, l’aggettivo suggerirebbe il suo svincolarsi da qualunque catena correlata ad un ciclo produttivo. In effetti è così. Il suo utilizzo l’aveva previsto l’ingegnere elettrotecnico statunitense di origine slava Nikola Tesla (1856–1943), potremmo definirlo ‘Dispensatore dei moderni agi e conforti’ (nel campo elettrico, meccanico,della medicina) di cui tutti ne usufruiamo.Nikola Tesla,bizzarra e fragile Genialità,uomo di rara grandezza intellettuale,di grande fascino;era molto magro,alto all’incirca 2 metri, da quella vetta esplicitava teorie visionarie concernenti il futuro dell’umanità. Descrisse i meccanismi di captazione della “Energia Libera”: illimitata, estraibile dall’ambiente a costo zero, attingibile gratuitamente da tutti, trasmissibile (sfruttando opportune bobine da egli progettate) ovunque senza l’impiego di cavi e “captabile” con una antenna; la Torre Wardenclyffe, da lui ideata, doveva fungere da captatrice e da conduttrice per far defluire la potenza e distribuirla senza impiego di alcun filo o cavo. L’adozione del sistema di distribuzione “Free Energy” cosa implicava? In termini concreti: chiunque nel mondo poteva attingere da tale sistema, usufruendone senza sostenere spesa alcuna. Introducendo una metafora pugilistica, tale realizzazione avrebbe messo KO tutte le industrie elettriche mondiali; ovviamente, “falchi finanziatori” inizialmente attratti dall’idea Tesliana, decisero di non attuare alcuna sovvenzione per la ricerca e realizzazione di tale rivoluzionaria tecnologia. Esplicitare una sia pur minima esposizione delle 700 creazioni scientifiche dell’inventore e scopritore Tesla,è ovviamente impresa impossibile. Analizziamo alcuni  brevetti: la Wireless telegraphy ovvero la trasmissione di segnali telegrafici e dunque la radio, nel 1893, due anni prima di Marconi; il motore asincrono trifase, il sistema elettrico di trasmissione a corrente alternata trifase (in precedenza  veniva impiegata la corrente continua,meno economica e meno efficiente), con utilizzo nelle abitazioni, dopo varie trasformazioni dei livelli di tensione, della tensione di 220 Volt; condusse innovativi esperimenti sulla illuminazione elettrica, sui raggi X, sulla elettroterapia.Inventò il tachimetro, il telecomando, gli altoparlanti, il tubo catodico, fu precursore della sismologia, delle correnti per l’Elettroterapia, fu il primo ad immaginare aeromobili a decollo verticale ed una rete di comunicazione di dati su scala mondiale, inoltre i suoi studi si sono rivelati determinanti per lo sviluppo della robotica. Dunque, stratosferiche capacità creative e straordinarie competenze tecniche palesate; insieme a quelle occultate: chissà quanta e quale documentazione esiste, insieme a suoi disegni, schemi, elaborati progettuali, sperimentazioni e teorie, all’atto della sua morte ‘misteriosamente scomparse’, la cui divulgazione sarebbe risultata assolutamente inopportuna…

Da una di esse è nato il Progetto HAARP. In  un’area dell’Alaska sono installati centinaia di tralicci d’alluminio fungenti, con  l’ausilio di antenne irradianti onde energetiche, da trasmettitori di segnali propagantisi verso aree strategiche del pianeta; obiettivo ufficiale delle sperimentazioni, lo studio della ionosfera…In ogni caso, fonti ispirative di tali indagini sono state le scoperte di Tesla.Morì ottantasettenne in una camera d’albergo di New York, in solitudine, dimenticato da tutti. Concludo con una mia leggera elaborazione illustrata, presentata in una manifestazione artistica, Presidente della quale l’Avv. Michele Sessa, imperniata sul tema Ecologico, svoltasi il 7 giugno 2019 in Fisciano nel teatro dell’Ateneo della Università di Salerno; l’elaborato narra di 2 vigili gemelli, accaniti scommettitori, simboli del ludico attaccamento annebbiante la mente ed inoltre del (presunto?) ‘vigilesco pianeta’: tanti, comprensibili, i motivi per infliggere reali e pesanti sanzioni all’Uomo… Infine l’immagine (da: wikipedia/Tesla) del Sommo ed Atipico, con le 7 forme energetiche descritte. È compresa l’inespressa (forzatamente inapplicata) energia libera, il Tesliano ‘bimbo energetico’ mai nato.