Insidia stabiese per Salerno Basket ’92: “Scontro difficile ma c’è giusto spirito”

Importante match in vista per il Salerno Basket ’92 che domani sera, sabato 20 gennaio, ospiterà la Banca Stabiese di Castellammare al PalaSilvestri: palla a due alle 19:30, ingresso come di consueto gratuito nell’impianto del rione Matierno.

Le granatine sono reduci dal successo sul parquet de Le Farmacie del Tricolle Ariano Irpino e vogliono cercare di bissare per proseguire nel solco positivo tracciato con l’inizio del 2018. Sfida importante in chiave classifica nel torneo di B femminile: Salerno è seconda in coppia con l’Azzurra Cercola (ma sfavorita, per ora, negli scontri diretti) con 14 punti, mentre Stabia segue a ruota con 12. Le atlete di coach Dello Iacono, che recupera Ceccardi a pieno regime, dovranno portare a casa l’intera posta in palio per restare attaccate al podio. Non sarà una missione facile contro la formazione di Castellammare che nel precedente turno ha battuto in casa la Hertz Sorrento 55-50. Nelle file stabiesi, inoltre, figurano le ex granatine Potolicchio e Trotta. Per domani è stata designata una coppia arbitrale di Maddaloni (CE): dirigeranno la gara Valeria Santoro e Clemente Santonastaso.

Il direttore generale del Salerno Basket ’92, Bruno Pacifico, presenta così la prossima gara: “Castellammare è squadra molto esperta, proveremo senza dubbio a vincere con la consapevolezza che di fronte troveremo un osso duro. All’andata riuscimmo a prevalere (48-65, ndR) ma le avversarie non avevano a disposizione la temibile Carotenuto. Cercheremo di ripetere il medesimo punteggio, siamo fiduciosi perché in settimana le ragazze si sono allenate alla grande e col giusto spirito. Il campionato? Scafati ha qualcosa in più. Poi noi, Cercola e Castellammare ce la giochiamo per un posto ai playoff. Dobbiamo pensare partita dopo partita, siamo pur sempre una squadra molto giovane che ha nella ’96 Ingrassia l’elemento più esperto. Stiamo lavorando bene con coach Dello Iacono, dopo il cambio in panchina abbiamo avuto un piccolo disorientamento ma adesso si vedono i frutti del suo lavoro: è un allenatore molto preparato, che vanta nel curriculum molti campionati vinti ed ha infuso nella squadra grandissime motivazioni”.