Palinuro: pesca illecita, proseguono controlli Guardia Costiera

Proseguono i controlli della Guardia Costiera in materia di pesca sul territorio di giurisdizione della Direzione Marittima della Campania. Due le persone deferite all’Autorità Giudiziaria per la detenzione di esemplari di Tonno Rosso sottomisura. Ad operare i militari della Guardia Costiera dell’Ufficio di Marina di Camerota, coordinati dalla Capitaneria di Porto di Salerno, che nell’ambito di operazioni in contrasto a tali illecite attività hanno, come previsto dalle normative vigenti, proceduto al sequestro penale del pescato; in questi casi, una volta giudicato idoneo, il prodotto viene devoluto ad associazioni di beneficenza. La pesca del Tonno Rosso sottomisura, quindi in “età prematura”, genera l’interruzione del naturale ciclo biologico di crescita dell’esemplare, arrecando gravi danni agli stock della specie in questione: ogni esemplare di Thunnus Thynnus in età matura, infatti, raggiunge dimensioni e peso di gran lunga superiore a quello dei tonni oggetto degli illeciti in argomento. Continueranno i controlli su tutta la filiera della pesca sotto la direzione dell’Ufficio Circondariale di Palinuro al fine contrastare gli episodi correlati allo sfruttamento illecito delle risorse ittiche.