MWISHO Fine

Padre Oliviero Ferro

Quando si finisce una cosa, si dice “mwisho”(fine) e si è contenti, perché si è lavorato per arrivare a questo. Ma prima di arrivarci, beh, ci vuole un po’ di pazienza, anzi tanta e non sempre basta. Si spinge, si spinge perché la cosa iniziata possa essere finita in un tempo ragionevole. Ma ci sono le varianti a questo desiderio. In primo luogo: chi riceve l’invito, ti dice sempre che ha tante cose da fare e quello che gli chiedi è messo in calendario. Ma se tu non spingi, succede che viene messa in disparte e chi se lo ricorda. Allora lo dici, una prima, una seconda, una terza volta. Quello ti risponde che ha capito, ma non devi arrabbiarti: lo farà con il suo tempo. Allora ti affidi alla bontà di Dio, sperando che consigli bene quella persona. E quando l’ha finita, te lo mostra tutto sorridente. E tu devi anche dirgli grazie, perché te l’ha fatta…in un tempo ragionevole.