Tecnospiaggia vacanziera!

di Rita Occidente Lupo

Non più stessa estate, stesso mare! La tecnospiaggia, realtà sulla riviera romagnola: la prima, a Bellaria, per fortificare il turismo, con ombrelloni fotovoltaici, wi-fi per dispositivi mobili, videosorveglianza, telesoccorso per i bagnanti in difficoltà, postazioni totem per visualizzare cartoline elettroniche, informazioni turistiche, webcam panoramiche. Inoltre, ricariche per le bici elettriche e sistemi per il controllo della qualità dell’aria. Il progetto punta ad abbracciare 12000 stabilimenti balneari ed è stato sviluppato da Telecom e Umpi. Addio vecchio bagnino con la canotta alla gondoliere, pattino con tanto d’attività muscolare da esercitare: pare proprio che nell’era spaziale, anche l’ambiente la sappia lunga in tema di diritti. Di qui l’attrezzarsi a poter anche navigare, nel mare magnum virtuale, oltre che nella salinità. Tale iniziativa senza dubbio incontrerebbe anche il favore dei lidi balneari meridionali, sempre a caccia d’innovazioni per tenere desta l’attenzione e favorire non il turismo, ma l’intrattenimento vacanziero degli autoctoni, che per le morse economiche, rinnegano purtroppo espatri in altri orizzonti!