Salerno: Tradizione Futuro “Terroni…150 anni dopo”

Una riflessione storica e politica sulla situazione del Meridione d’Italia, nel 150esimo anniversario dell’Unità nazionale e nella stagione peggiore del Sud, la stagione del declino senza speranza, del clamoroso fallimento delle strategie di sviluppo delle Regioni meridionali, della fuga in massa dei giovani dall’inferno. L’associazione culturale Tradizione Futuro di Salerno procede a questo approfondimento con un convegno dal titolo “Terroni…150 anni dopo” che si terrà venerdì 7 ottobre dalle ore 18 presso l’Aula consiliare di Palazzo Sant’Agostino a Salerno. Ospiti d’eccezione per un tema caldo: Pino Aprile, pugliese doc, che presenterà per la prima volta a Salerno il suo libro “Terroni”, un caso editoriale con cui l’autore è intervenuto con grande verve polemica nel conflitto tra Nord e Sud; Edmondo Cirielli, presidente della Provincia di Salerno, che da amministratore ha cavalcato l’orgoglio identitario di un Sud all’avanguardia. «Negli ultimi anni – dichiarano gli organizzatori- si è tornato a parlare del Sud. Il libro “Terroni” di Pino Aprile ha avuto il merito di riaprire una discussione storica rimasta silente per troppi anni: quanto il Sud ha subito l’unità nazionale. Oggi numerose pubblicazioni, insieme alle cronache giudiziarie, hanno riproposto il Mezzogiorno come problema politico e sociale. Pur tuttavia avvertiamo che la lunga stagione della rimozione fa discutere di Meridione come se questo territorio appartenesse ancora a un lontano passato. Con questa iniziativa, partiamo dall’analisi storica per proporre una possibilità di riscatto in grado di mettere in crisi il modello di governo dominante per liberare le nuove generazioni dai vincoli imposti da una società pietrificata».

Un pensiero su “Salerno: Tradizione Futuro “Terroni…150 anni dopo”

  1. Vari mesi fa ,lessi il manifesto di “Tradizione futuro” di via S.Calende, Salerno, sul quale si
    menzionavano le reali idee dell’Associazione medesima. e dato che avevo già letto “TERRONI” di Pino Aprile,( al quale, tramite facebook, gli avevo espresso le mie congratulazioni per aver scritto un libro davvero straordinariamente bello ,e che dal cui scrittore ebbi risposta con ringraziamenti). Devo anche dire che, qualche mese dopo aver letto “TERRONI”, ebbi l’invito dagli organizzatori di un’altra grande manifestazione che lo stesso comune di Sant’angelo delle Fratte (in provincia di Salerno) aveva aderito per farla funzionare. Anche in questa occasione si trattava di discutere contro o a favore dell’avvenuta “Unificazione d’Italia”. In tale occasione , la bravissima scrittrice storica Dora Liguori presentò il suo meraviglioso libro dal titolo
    Quell’”Amara Unità d’Italia”.
    Ma come se non mi fossero bastati quei due libri di lettura storica, comprai anche “I Savoia e il
    Massacro del Sud” di Antonio Ciano, anch’esso un ottimo libro storico di splendida fattura.
    Quindi, dato l’attaccamento che ho maturato sull’argomento, vorrei proprio essere presente , domani venerdì, alla manifestazione di “Tradizione e futuro” che si svolgerà in una sala della provincia a Salerno, spero di non mancare, anche per stringere la mano allo scrittore Dr Pino Aprile e alle illustre personalità presenti.
    Cordialità, Alfredo

I commenti sono chiusi.