Oliveto Citra: verifica di struttura sanitaria

Dopo i dati forniti sull’intera realtà aziendale, soprattutto sotto il profilo gestionale economico – finanziario, questa Azienda prosegue nel suo trasparente programma per una corretta informazione di tutti i cittadini sulla situazione in cui versa la Sanità in Provincia di Salerno. Si tratta di dati ufficiali, meglio degli unici dati ufficiali frutto di rilevazioni regionali e aziendali, come le risultanze dei Gruppi di lavoro sulle verifiche delle strutture, risorse umane e tecnologiche dei Presidi Ospedalieri dell’Asl di Salerno, avviate dopo il sequestro del blocco operatorio e della Farmacia del Presidio Ospedaliero di Scafati. Con l’Ospedale “San Francesco d’Assisi” di Oliveto Citra si completano i primi quattro Ospedali, quelli che afferiscono all’area del Sele. Qui il Gruppo di lavoro ha programmato interventi di adeguamento prioritari per complessivi 127 mila euro che riguardano la ristrutturazione delle facciate dell’intero edificio. La struttura è in possesso di autorizzazione sanitaria e di autorizzazione di scarico in fogna tant’è che, nel breve termine, il Gruppo di lavoro non presume di effettuare opere di messa in sicurezza laddove nel medio termine sono previsti interventi per quasi 200 mila euro di cui la maggior parte per la  ristrutturazione del Pronto Soccorso per una cifra prossima a 140 mila euro, mentre la restante minima parte è destinata, invece, alla ristrutturazione dell’Ambulatorio di Endoscopia e alla ristrutturazione della Radiologia. Come sempre gli interventi saranno programmati – nella consueta prospettiva costi/benefici obbligatoria per un’Azienda Sanitaria che ha perso nel 2010, salve le rettifiche finanziarie del Decreto 42/2011, quasi 1 milione di euro al giorno – in relazione alle previsioni del Decreto n. 49/2010 e alla propedeutica specializzazione/razionalizzazione delle strutture afferenti l’area del Sele, che sarà al centro del Piano attuativo per evitare ridondanze costose e insostenibili.  Attualmente l’Ospedale riporta alti indici di occupazione di posti letto per quanto riguarda Medicina, Chirurgia, Ortopedia e Cardiologia, con attività a discreta valorizzazione economica. E’ da esaminare, nella solita prospettiva di piena condivisione con il territorio, la degenza media che ha un valore  pari a 6 al fine di verificare, alla luce della complessità media della casistica, la possibilità d’incrementare le attività in regime di Day-hospital. L’Ospedale, come tutti gli altri dell’Azienda, presenta carenze di personale: a fronte di una spesa totale di circa 14 milioni euro fa registrare una quota di quasi 1 milione di euro per l’attività professionale intramoenia dei medici (la cosiddetta ALPI)  e di poco meno di 300 mila euro di lavoro straordinario per il Comparto. Resta l’impegno della Gestione Commissariale ad affrontare, in un clima di reciproca propositiva collaborazione, i lavori di riqualificazione dell’Ospedale di Oliveto Citra destinato ad offrire servizi e risposte concrete ed adeguate alla domanda di salute.