Vallo di Diano: nasce il comitato per la nuova regione

 A breve si insedierà un comitato spontaneo nel Vallo di Diano per sostenere sul territorio la nascita della regione autonoma di Salerno, idea lanciata dal presidente della provincia Edmondo Cirielli, in perfetta linea con il comitato promotore guidato dal consigliere regionale Giovanni Fortunato. Ad assumere l’iniziativa e Giovanni Graziano, dirigente del PDL che oggi presiede il locale Patto Territoriale, che dopo essersi confrontato con altri esponenti della politica locale, ha avviata la strada per dare vita ad un serio movimento coordinato.“Sposando convintamene la causa dell’autonomia territoriale rispetto al sempre lamentato Napoli centrismo – argomenta Giovanni Graziano – non possiamo non accogliere favorevolmente l’idea del presidente della provincia di costituirsi in regione autonoma, fatto che avrebbe inevitabilmente ricadute positive per il nostro territorio trovandosi in maggiore prossimità rispetto ai centri decisionali importanti oltre che godere dei vantaggi del federalismo fiscale dal momento che oggi Salerno da a Napoli risorse per 100 ricevendone 60”.Il progetto si poggia sull’articolo 32 del titolo quinto della Costituzione che prevede la possibilità di costituirsi in nuova regione per un territorio, di oltre un milione di abitanti, di cui un terzo dei consigli comunali deliberino a favore. “Ritengo che trovare 53 comuni della provincia favorevoli a staccarsi da Napoli non sarà un grosso problema – si dice convinto Graziano – ma noi nel Vallo di Diano vogliamo essere parte attiva nel percorso e costituirci in comitato di coordinamento delle necessarie azioni che andranno portate avanti nei locali consigli comunali partendo dal presupposto che materie così rilevanti vadano affrontate in modo condiviso e sinergico sul territorio e non lasciate alla sporadicità dei singoli”.