Salernitana: contro il Sudtirol senza l’ungherese Szatmari

Maurizio Grillo

Giocare nella propria nazionale è un onore ed un vanto per qualsiasi calciatore, al patto, però, che non intacchi in modo palese le esigenze del club di appartenenza, a testimonianza di ciò vengono fermati i vari campionati per evitare di falsarli. Fin qui nulla quaestio, i problemi, però, sorgono per quei calciatori che, almeno in Italia, giocano nei campionati di serie B e di Lega Pro, infatti la Salernitana deve fare a meno di Szatmari, impegnato con l’Under 21 ungherese e che pone seri grattacapi all’allenatore granata, che nel suo scacchiere ha inserito in pianta stabile il magiaro. Non a caso la defezione del centrocampista, le cui caratteristiche non si riscontrano in nessun altro calciatore della rosa granata, pone Breda nella condizione obbligata di dover cambiare impostazione di gioco, ma soprattutto trovare la quadratura giusta per il centrocampo e per fortuna  le alternative non mancano. La soluzione che appare più fattibile sarebbe quella di coprirsi un po’ in più, considerato che si gioca fuori casa e che Breda non sembra affatto intenzionato a privarsi del tridente d’attacco, ragion per cui verrebbe logico pensare all’impiego di uno tra Tricarico, Carcuro e, perché no, anche di Sasà Russo, tutti elementi che conferirebbero al reparto una certa consistenza tecnica ed agonistica, oltre ad una buona dose di esperienza. Ci sarebbe anche la soluzione Merino, ma a questo punto il trainer granata dovrebbe rivedere il modulo ed adottare un 4 3 1 2, ipotesi non trascurabile  a priori, anche se non troppo gradita all’ex allenatore della Reggina che preferisce tre cursori dietro una sola punta, mentre con il peruviano questo tipo di gioco sarebbe non attuabile. Stando, poi, alle ultime indiscrezioni, il tecnico granata addirittura sarebbe orientato a schierare lo stesso attacco di Sorrento, vale a dire con Ragusa e Falzerano sulle fasce e Fava centrale, con l’inevitabile esclusione, almeno inizialmente di Montella, che, tra l’altro, non è affatto dispiaciuto contro il Lumezzane. Qualcosa potrebbe cambiare anche in difesa, laddove gli unici inamovibili appaiono Peccarisi e Murolo, la cui simbiosi si cementifica partita dopo partita, conferendo all’intero reparto una certa impenetrabilità, nonostante i tre goals subiti in due gare, infatti con il ritorno di Balestri si potrebbe verificare una modifica anche tra i due esterni bassi, logicamente il tutto dipenderà dalle condizioni fisiche del calciatore. Per fortuna il tempo è alleato del trainer granata che potrà verificare il tutto nel corso del triangolare di oggi a S.Giovanni Rotondo, avendo, oltre alla squadra di casa, anche il Bari di mister Ventura come avversario, un’occasione più unica che rara per poter sciogliere gli ultimi dubbi sulla formazione da mandare in campo contro il Sudtirol. Intanto la tifoseria granata si sta mobilitando per questa lunghissima trasferta, probabilmente ci saranno i soliti irriducibili ed i residenti al nord, per fortuna la partita sarà trasmessa dall’emittente privata Conto Tv al prezzo di 5 euro in prevendita fino a venerdì, poi costerà il doppio, insomma anche se davanti ai televisori ci saranno tantissimi cuori granata che trepideranno per la loro amata Salernitana, e chissà che la prima grande gioia non arrivi proprio via etere.