Campagna: successo per “Il nostro bel pianeta” di Nando Rosamilia

  Consensi della critica e del pubblico per la notte magica di Campagna, quella tra il 29 e 30 agosto, caratterizzata  dalla performance dell’artista Nando Rosamilia. Un’iniziativa che si colloca nella tradizione e nella ricerca che l’Associazione “Giordano Bruno” porta avanti da circa un trentennio nella città. La lunga notte, iniziata con l’esposizione delle tele di Rosamilia, rappresentanti elementi naturali, è proseguita, animata da vari interventi artistici, fino a giungere all’incendio delle opere, seguito dalla veglia catartica. Alle prime luci dell’alba, la “chiena” purificatrice e, nella città inondata dall’acqua, la consumazione dei cornetti caldi e, poi, la traslazione delle ceneri dei quadri nel museo “Azione Fare Memoria – Giordano Bruno”.“Azione Fare Memoria” è stato l’obiettivo, fin dal 1982, dell’Associazione “G. Bruno” che si è adoperata per il recupero della tradizionale “chiena”, che era stata eliminata dalla città nella prima metà degli anni settanta. Oggi, la “chiena” è stata valorizzata attraverso il contributo della cultura e della storia del territorio, passando per il recupero dei “fucanoli” per finire alla riscoperta della presenza degli ebrei a Campagna. Attività queste ultime riprese e portate avanti anche da altre associazioni operanti sul territorio: Comitato Palatucci, Associazione Utopia e Pro Loco Città di Campagna.“Azione Fare Memoria” ha realizzato nel 2008 e 2009 due interventi “purificatori”, due performance coordinate da Giovanni De Angelis, ispirate a Giordano Bruno. La performance di Rosamilia si colloca in questo tracciato anche se in modo tangenziale, perché l’archetipo bruniano è stato preso solo come modello. Hanno dato la loro adesione alla “Veglia catartica”: i bruniani di Campagna, Rino Mele, Dora Liguori, Adriana Maggio, Vito e Bruno D’Agostino, Vito Maggio e Gelsomino D’Ambrosio, Giovanni De Angelis,Aurora Cubicciotti e Donato Linzalata, Tonino Panico, Siro Scena, Franco D’Alessandro e Mario Borrelli, Abramo del Giorno, Andrea Di Bianco e Gerardo Giugliano, Giuseppe Moscato, Angelo Riviello, Alessandro Sessa, Antonella Nigro, Luca Guardabascio, Antonio Salito, Patrizia e Gabriele Remolino, Elisa Campagna, Mario Velella, Alessandro Naimoli, Guido Del Giudice, Antonio Corsaro e Remo Luongo, Antonio Caponigro, Vito Caponigro, Maria Rosaria Salito e Francesco Flavio, Alfonso Della Rocca, Raffaele Sprovieri e Benito Ruggia.