Home » Girovagando

Salmi nel benedizionale di Sant’Arsenio di Cappadocia per guarigione e liberazione

Inserito da on 26 febbraio 2021 – 00:00No Comment

Le Edizioni Segno hanno stampato il libro di don Marcello Stanzione intitolato: “Guarigione e liberazione attraverso i salmi. Il benedizionale di sant’Arsenio di Cappadocia”.

I salmi contenuti nella Sacra Scrittura sono la preghiera di Cristo e della Chiesa, e dunque ogni credente può trovare in essi il modo migliore di esprimere la propria preghiera e di santificarsi.

Ma è pure vero ciò che dice il nostro padre tra i santi Atanasio: “ogni salmo fu dettato e composto in tal modo dallo Spirito Santo che in esso sono raccolti tutti moti dell’animo nostro, come se fossero da noi proferiti e come se realmente fossero nostri”1. Sant’Atanasio fa dunque una osservazione molto importante: pregando e contemplando i salmi possiamo non solo trovare la vita e i sentimenti di Cristo, ma possiamo ritrovare noi stessi, con i nostri sentimenti e le nostre vicende. Cristo ha preso tutto di ognuno di noi e ha dato a noi tutto sé stesso, e allora non ci dobbiamo allora stupire se nella contemplazione del salterio ritroviamo tutta la vita umana con le sue molteplici e varie vicende. Certamente non si stupì di questa qualità teandrica del salterio Arsenio di Cappadocia (1840-1924), monaco canonizzato dal Patriarcato Ecumenico nel 1986, che utilizzava i salmi per le benedizioni, specie quando non esisteva una benedizione prescritta per una particolare occasione. In questo lavoro si offre nella prima parte una corrispondenza tra i salmi e le diverse necessità secondo l’originale greco che può essere trovato nell’opera “il gheron Paisios” dello ieromonaco Christodulos (Agion Oros, 1994). Nella seconda parte c’è un piccolo e povero indice dei salmi secondo le diverse necessità. Al di là delle considerazioni teologiche questo salterio costituisce un vero e proprio “Libro delle necessità”, ma è anche un ritratto affascinante di un piccolo villaggio dell’Anatolia all’alba del XX secolo dove la cultura e la tradizione greca e la fede ortodossa prosperavano nonostante la dominazione turca. Ma la cosa più importante che emerge dal testo è la costante e non comune, specie per quei tempi, preoccupazione di alleviare ogni dolore fisico e psicologico degli uomini. Altro dettaglio degno di nota è la scelta dei salmi da parte di sant’Arsenio. Il santo monaco utilizza un certo salmo per una ben precisa necessità, e questa scelta non è mai banale o scontata ma rivela una lettura orante dei salmi, una contemplazione di ogni singola parola.

Qualcuno potrebbe storcere il naso davanti di fronte a questo originale salterio e potrebbe classificarlo come qualcosa più vicino alla magia o alle superstizioni contadine. Nulla di tutto questo. In realtà ci troviamo davanti alla fede genuina e schietta della gente di un piccolo villaggio dell’Asia minore e di un monaco pio e zelante che hanno percepito i salmi come un “canale” attraverso il quale la Grazia di Dio entra in contatto con ogni aspetto della vita umana.

 

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.