Home » > IN EVIDENZA

Grande sconcerto per dichiarazioni Papa Bergoglio su “unioni civili” tra omosessuali, ma trattasi di una fake

Inserito da on 24 ottobre 2020 – 00:00No Comment

Hanno provocato profondo sconcerto le dichiarazioni di Papa Francesco riguardo le cosiddette “unioni civili” tra omosessuali. Mentre alcuni denunciavano una manipolazione delle sue parole, altri invece hanno mostrato come esse siano in armonia con precedenti dichiarazioni, e ricordano il fatto che lo stesso Pontefice avesse personalmente approvato il filmato durante una visione privata in Vaticano lo scorso Agosto.

Cardinale  Gerhard Müller, già Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede: :  “Sono leale al Papa, ma egli non è al di sopra di Dio”.

Cardinale Raymond Burke: Il Papa parla a titolo personalequello sulle unioni civili non è il magistero della Chiesa”

Prof. Stefano Fontana: “Frasi sconcertanti. Il fedele è obbligato a pensare il contrario. In quelle poche righe viene travolto il diritto naturale e divino, scardinata la legge morale naturale, sconvolto il concetto di legge e l’autorità viene fatta coincidere con il potere. Tutte le basi della Dottrina sociale della Chiesa vengono così negate in poche battute e oltre cento anni di insegnamenti vengono cancellati con un colpo di spugna”.

Prof. Tommaso Scandroglio: “Parole sbagliate, il Magistero ha già chiarito. La dichiarazione di Bergoglio sulle coppie omosessuali presenta contenuti gravemente erronei. Mentre i diritti fondamentali (vita, salute, libertà, etc.) vanno riconosciuti a tutti, e in certi casi si può tollerare l’abuso dei diritti comuni, vi sono diritti specifici che riguardano determinate classi di soggetti o situazioni. Il preteso riconoscimento giuridico delle unioni omosessuali rientra in questa terza categoria, ma non è moralmente lecito, perché è un male. A ribadirlo un documento della Congregazione per la Dottrina della Fede del 2003, in cui risulta evidente l’inconciliabilità tra il Magistero e le parole di papa Francesco”.

Prof. Plinio Corrêa de Oliveira: “Le unioni omosessuali sono l’antitesi della famiglia”.

Ma in realtà pare proprio che le dichiarazioni fatte veicolare generosamente in rete in questi giorni siano frutto di fake giacchè Papa Bergoglio s’è già pronunciato a riguardo il 19 marzo 2016 nell’esortazione post-sinodale Amoris Laetitia:

«Nessuno può pensare che indebolire la famiglia come società naturale fondata sul matrimonio sia qualcosa che giova alla società (…) Non si avverte più con chiarezza che solo l’unione esclusiva e indissolubile tra un uomo e una donna svolge una funzione sociale piena, essendo un impegno stabile e rendendo possibile la fecondità. Dobbiamo riconoscere la grande varietà di situazioni familiari che possono offrire una certa regola di vita, ma le unioni di fatto o tra persone dello stesso sesso, per esempio, non si possono equiparare semplicisticamente al matrimonio. Nessuna unione precaria o chiusa alla trasmissione della vita ci assicura il futuro della società.


 

 

 

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.