Home » Cannocchiale

Panoramica esplicativa e rappresentazione matematica delle “energie sottili” che si manifestano: in termini scientifici nella ‘risonanza Schumann’, in termini spirituali nelle filosofie orientali

Inserito da on 18 ottobre 2020 – 00:00No Comment

Giuffrida Farina                                                                                                

Una breve illustrazione di un  personale pensiero concernente il parallelo: tra il singolare fenomeno energetico  definito ‘Risonanza  Schumann’ influenzante l’umana stabilità fisica ed emotiva; ed alcune Filosofie Orientali, credo sottilmente allacciate a tale manifestazione energetica. Partiamo delineando il percorso di  un veicolo transitante su un ponte, ovviamente posto in vibrazione dal passaggio; l’oscillazione sarà più o meno rapida, il parametro indicante tale caratteristica è la frequenza f1 ossia il numero di vibrazioni in un secondo; abbiamo dunque un sistema oscillante (il ponte) e forzato (ovvero sollecitato dal veicolo). Sembrerà strano, ma accade che anche in assenza di carico mobile -dunque sul ponte non transita alcuna vettura- la struttura oscilli con una determinata frequenza f2, definita “frequenza naturale”. Se un sistema forzato vibra con una frequenza “di sollecitazione” uguale alla “frequenza naturale”, allora il sistema oscillante si definisce ‘in fase di risonanza’.

Sinteticamente: la risonanza è un fenomeno fisico caratterizzato da: frequenza f1 di oscillazione di un sistema, provocata da una fonte sollecitante, perfettamente equivalente alla frequenza f2 di oscillazione naturale del sistema stesso in assenza di carico, dunque f1 = f2; tale comune  valore è definito ‘frequenza di risonanza’(fr). Una ordinata elencazione di elementi, penso risulti idoneo farla evolvere in termini di semplicità, esplicitandola dall’elemento più intuitivo a quello più astratto. Dunque, esistono diverse categorie di Risonanza: Risonanza ottica, impiegata  per aumentare l’”ampiezza” della luce; quale conseguenza del fenomeno risonante vengono prodotti fasci di luce ad alta intensità luminosa come il fascio laser.

Risonanza sonora, utilizzata da strumenti musicali che presentano una cavità risuonante per incrementare il livello sonoro. Risonanza magnetica, impiegata in Medicina: un campo magnetico oscillatorio avente frequenza f1 ed applicato a nuclei atomici, fa risuonare (vibrare) i campi magnetici indotti dai protoni (con frequenza f2=f1) presenti in tali nuclei, il risultato è l’emissione di radiazioni in grado di produrre immagini chiare di diversi tipi di tessuti. Risonanza elettrica: i circuiti elettrici utilizzati nei televisori, nelle radio e nei telefoni cellulari utilizzano dispositivi che possono essere regolati in modo che alcune grandezza risuonino con la frequenza delle onde radio: in tal modo è possibile catturare e aumentare l’ampiezza di queste onde radio, riproducendo le informazioni in esse contenute. Risonanza meccanica: se la frequenza della causa forzante (sollecitazione F) è uguale alla frequenza naturale, si verificano oscillazioni con ampiezze crescenti, tragico esempio è il Ponte americano di Tacoma Narrows, il cui crollo si verificò nel 1940 a causa di impulsi periodici del vento la cui frequenza “eolica” di vibrazione coincise con la frequenza naturale di vibrazione del ponte che subì completa distruzione. Esiste poi la Risonanza elettromagnetica, modello di essa è la RISONANZA SCHUMANN (in onore del fisico  Winfried  Schumann,1888-1974, applicò una veste scientifica alla risonanza della Terra).

Una sequenza di “risonanze a catena” susseguentisi amplificate una dopo l’altra, generate da una manifestazione energetica luminosa e violenta  (le scariche verticali – tra nuvola e nuvola od anche tra nuvola e suolo- dei fulmini, ovviamente in condizioni atmosferiche perturbate, temporali ed eventi affini; il “fulmine a ciel sereno” è un’altra storia, concerne la sua propagazione orizzontale) provoca un aumento dell’ampiezza di oscillazione del pianeta. La Risonanza  Schumann’, generante una sorta di “Terra danzante”, è una risonanza elettromagnetica le cui caratteristiche vennero delineate ed elaborate da Schumann con modelli matematici nel 1952; allorquando egli scoprì che il nostro pianeta è avvolto da un estesissimo campo elettromagnetico nascente a circa 100 km al disopra della superficie terrestre. Questo campo elettromagnetico, era una perturbazione che allora si propagava vibrante con una frequenza di oscillazione pari, all’incirca, a 8 battiti al secondo; a distanza di quasi 70 anni, la frequenza di Risonanza Schumann ha superato il valore 8, adesso attinge valori di una decina di vibrazioni al secondo: tale incrementato “tremolio” della Terra (un “battito cardiaco Terrestre” più rapido) rappresenta  un grosso problema, legato soprattutto all’aspetto del non disporre precise informazioni intorno a deleteri  effetti prodotti dal picco di frequenza sul corpo umano. Quel che è certo, è che la frequenza di vibrazione del campo elettromagnetico della Terra sta “accelerando” ovvero essa incrementa sempre più al trascorrere del tempo: in quali precisi termini può influenzare, in futuro, le funzioni del cervello umano, del  battito del cuore, il ritmo della respirazione? Importantissimo compito di medici e studiosi delinearli, innanzitutto inquadrando perfettamente il fenomeno, onde poi combattere ipotizzabili  eventi psicosomatici scuotenti ed alteranti i nostri equilibri e le nostre coscienze.

Coscienze ovviamente intimamente legate al Credo Religioso; propongo una breve panoramica illustrativa esplicitante un sintetico parallelo tra alcune Religioni orientali, penso siano “in sintonia” con il fenomeno energetico di risonanza innanzi descritto (nel senso di “vibrazione dell’anima”), credo ne catturino l’essenza: Buddhismo e Induismo,Taoismo e Confucianesimo. Una maggiore espressività del Buddhismo si è verificata, in un primo momento, in Cina. L’Induismo è una tradizione indiana, si basa sulla Conoscenza sacra Veda, divina Verità, la fede Buddhista deriva dagli insegnamenti elaborati da Buddha concernenti un Percorso verso l’Illuminazione. Le 2 Tradizioni condividono i concetti di Karma (Azione) e Dharma (Legge) ma con obiettivi diversi.

I buddhisti tendono al Nirvana simboleggiato dallo stato permanente di pace e nella ricerca della felicità eterna, gli indù raggiungono la Moksa – concetto simile al Nirvana, entrambe tendono alla Meta finale dell’esistenza- solo attraverso la conoscenza della dottrina religiosa che deve condurre alla liberazione del corpo psicofisico. Entrambe le Culture, Indù e Buddhista, credono nella Reincarnazione, comportamenti “difformi ed impropri” nella vita attuale influenzeranno la successiva, indirizzandola ad una forma inferiore. Le 2 Filosofie attuano la pratica dello Yoga (Unione, Esercizio  fisico e mentale tendente al collegamento tra corpo, mente e spirito), Mezzo per raggiungere l’evoluzione spirituale.

Sostanziale differenza tra Confucianesimo e Taoismo: il Confucianesimo si concentra sulla società, mentre il Taoismo converge sulla natura. Confucianesimo e Taoismo, Filosofie dominanti in Cina, sono assai vecchie, esistono dal 550 a.C. circa. Esperti osservatori e studiosi palesano l’idea che le 2 Filosofie, apparentemente sembranti opposte, in realtà osservandole da più ampia prospettiva sono complementari, l’una integra l’altra. Ambedue esplicano sagge modalità per affrontare la vita e risolvere problemi ed associate sfide che l’esistenza prospetta all’individuo

.Il termine Taoismo deriva da “Tao” e l’antico libro della saggezza cinese, attribuito a Lao Tzu (filosofo e scrittore cinese del VI secolo a.C.) è il testo Tao-Te-Ching. Forze Vitali guidanti esseri viventi ed astri nell’universo: Yin (principio femminile) e Yang (principio maschile), Entità che conservano l’equilibrio e l’ordine del vivere. Il fondatore, Lao Tzu, sosteneva che l’individuo raggiungeva pace ed armonia interiore attraverso la propria interiorità.

Singolare caratteristica: la maggior parte dei primi leader spirituali del Taoismo erano artigiani, macellai, falegnami…Prospettiva penso rappresenti “ingegnosa testimonianza”, manifestazione rivelante il loro “ingegneristico”, concreto e profondo pensiero. I 2 argomenti trattati sono stati da me illustrati con elaborazioni grafiche, donate partecipando a un evento di beneficenza (la costruzione di una scuola in Tanzania).

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.