Home » Senza categoria

Vallo di Diano: Lega, Valentino Di Brizzi “Primario Pietro Greco lascia Ospedale”

Inserito da on 28 luglio 2020 – 01:05No Comment

Da domani – 29 luglio 2020 – un altro primario lascia l’Ospedale di Polla. Si tratta – dichiara, l’esponente della Lega, Valentino Di Brizzi – dell’amico Dott. Pietro Greco, dirigente del reparto di neurologia del “Curto”, ammirata professionalità che tanto si è battuto affinchè l’Ospedale diventasse punto di riferimento della nostra sanità e potesse essere struttura adeguata alla salvaguardia della salute dei nostri concittadini. Al Dottore Greco – che da domani sarà posto in ferie prepensionamento – vanno i miei ringraziamenti per quanto fino ad oggi fatto ed anche i miei Auguri!!! “La notizia del pensionamento del Dott. Greco, però, porta con sé – continua Di Brizzi – tanto rammarico e amarezza. Non solo il reparto di Neurologia di Polla da domani non beneficerà più della professionalità del Dott. Greco, ma la Dott.ssa Forziati – su cui ricadrà, insieme ad un collega, la mole di lavoro del reparto – allo stato non risulta avrà la possibilità di unità aggiuntive in sostegno al regolare svolgimento delle attività di reparto. Il sospetto – prosegue Di Brizzi- è che la classificazione “BASE” per l’Ospedale “Luigi Curto”, riportata nella delibera di Giunta Regionale n. 304 del 16/06/2020, è che da più riferimenti politici è stata bollata come un “MERO ERRORE”, forse “ERRORE NON E’ ” (e con ogni probabilità sarà, come l’apertura dell’Ospedale di Agropoli, solo l’ennesimo proclama elettorale). Ad oggi, infatti, nessun atto ufficiale propone una correzione a quella classificazione e la situazione del presidio valdianese, allo stato, lascia intravedere che ci sia dietro un vero disegno di declassamento. Disegno addirittura facilitato dall’emergenza COVID-19, in quanto con il pretesto di dover predisporre, con URGENZA, un reparto Covid – si è provveduto, senza alcun riguardo alle altre esigenze sanitarie del nostro territorio, allo smantellamento di interi reparti e ad un ridimensionamento scellerato dei posti disponibili. L’emergenza COVID-19 andava e va gestita in maniera diversa e se siamo stati in grado di fronteggiarla nella nostra struttura sanitaria è stato soprattutto grazie alla forte generosità delle nostre Associazioni e dei nostri concittadini. All’Ospedale, però, DEVE pensare la politica e non possiamo consentire che reparti importanti come Neurologia, Gastroenterologia, Pediatria, Ortopedia e tanti altri, siano ridimensionati in maniera così pesante. Ci dimostrino – conclude Di Brizzi – che hanno a cuore la nostra salute! PROVVEDANO, innanzitutto e senza indugio, alla correzione della classificazione riportata per l’Ospedale “Luigi Curto” e per l’Ospedale dell’ “Immacolata” nel Piano Regionale di Programmazione della Rete Ospedaliera. E’ poi si faccia una vera programmazione/organizzazione della rete ospedaliera che ci consenta, finalmente, di non dover più fare viaggi della speranza per ottenere quello che il principale diritto costituzionalmente garantito.

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.