Home » • Salerno

Salerno: capogruppo comunale Lambiase su aliquote nuova IMU 2020

Inserito da on 7 luglio 2020 – 05:50No Comment

Si è tenuta lunedì 6 luglio la seduta della Commissione consiliare Finanze, presieduta dal consigliere Fabio Polverino, in presenza dell’assessore Della Greca.

Si è discusso del nuovo regolamento IMU 2020, che dovrà essere approvato prossimamente in Consiglio Comunale.

Ho posto questo quesito all’assessore Della Greca: ha volontà’ l’Amministrazione Comunale di Salerno di ridurre le aliquote per i più bisognosi ed aumentarle per chi ha “maggiore solidità e sicurezza economica”?

Ho avanzato anche alcune proposte: – bisognerebbe aumentare dal 4 per mille al 5 per mille le aliquote che riguardano le prime case di lusso (palazzi di pregio, ville ed abitazioni signorili); – è necessario controllare puntualmente ed eventualmente far pagare l’IMU anche ad alcuni costruttori (oggi esenti da IMU), che posseggono i cosiddetti “beni-merce” (legge 27 dice 2019 n.160 comma 751):< gli alloggi costruiti e destinati dall’impresa costruttrice alla vendita>.

Alcuni casi sono sicuramente al limite: se il costruttore ha affidato ad una società immobiliare la vendita dei propri alloggi, oppure li ha “vincolati” a garanzia per ottenere prestiti dalle banche. Questi impegni assunti dall’impresa costruttrice potrebbero non rientrare nei termini indicati e prescritti dalla Legge per la esenzione IMU.

I proprietari di migliaia di nuovi alloggi realizzati negli ultimi anni e rimasti invenduti, potrebbero sicuramente contribuire ad aumentare le “entrate” per compensare le utili riduzioni per fasce di popolazione più “deboli”.

Potrebbero essere interessati alla riduzione delle aliquote gli alloggi di proprietà dell’ex-IACP, trovando contestualmente una formula per diminuire i canoni di affitto.

Potrebbero usufruire della riduzione i proprietari di piccoli lotti di “aree edificabili”, che partecipano alla composizione dei comparti edificatori, e che pagano l’IMU da anni senza procedere alla realizzazione dei “volumi” previsti dal PUC. Essi dovrebbero chiaramente fare esplicita dichiarazione di rinuncia alla “edificabilità’ ” del proprio terreno.

Senza affidarsi esclusivamente a provvedimenti e/o benefit del Governo nazionale o della Regione, sono convinto che anche i Comuni debbano fare la propria parte per contribuire a limitare i “disagi economici” derivati dalla drammatica emergenza sanitaria di questi mesi.

Gianpaolo Lambiase Consigliere Comunale di “Salerno di Tutti”      


Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.