Home » Senza categoria

Campania: Sanità, “CAMBIAMO!”, Dirigente Bruno Ruotolo “Disuguaglianze incolmabili!”

Inserito da on 7 giugno 2020 – 07:19No Comment

NULLA È STATO FATTO SOLO CHIACCHIERE STERILI E APPARIZIONI VENERANDE per TORNATE ELETTORALI…
ALMENO UN PO’ DI RISPETTO!!!
La mala gestio, le incompetenze, le negligenze, I tagli lacrime e sangue e gli orrori fatti, anche nell’ultimo quinquennio, (il governatore uscente é stato anche commissario straordinario con pieno poteri, dal 2016 !), hanno prodotto pessima qualità dei servizi sanitari e gravissimi danni ai pazienti e a tutti i cittadini.
Paghiamo più tasse di ogni altra Regione (Irpef, ticket, tasse di circolazione e addizionali, le più alte…30% e 1,80% in più), di contro paghiamo per la sanità pro capite, circa €.1800, in linea con i cittadini del Nord.
In compenso abbiamo avuto in 5 anni, meno presidi ospedalieri, meno servizi sanitari, riduzioni di posti letto, chiusure di pronto soccorsi e reparti vari e almeno il 15% in meno di medici e infermieri per tagli e riduzioni i quali, tra l’altro, sono stati costretti ad emigrare in altre realtà o all’estero.
Sono stati chiusi ospedali non perché inefficienti o con personale non qualificato, anzi, abbiamo i migliori medici e infermieri, grazie a Dio, ma solo perché sono stati considerati dal governatore e dai suoi tecnici, presidi ospedalieri piccoli, inutili ….
come a dire, piccoli uguale a poche persone ergo…se siete in pochi dovete avere danaro proprio per poter andare a curarvi altrove, sennò si può dannatamente morire di malasanità!! (aggiungo anche con l’elicottero visto che parecchie strade del salernitano sono tutte chiuse da anni per dissesto, frane , massi, ecc.),
O si paga o niente!
Ricordiamo le famose liste di attesa….una fregatura!
Per di più siamo costretti ad una ” mobilità passiva”, i cd “viaggi della speranza” che oltre ad essere umilianti per chi li sostiene, sono anche costosi per gli stessi pazienti e sono vergognosi per la comunità intera.
Spendiamo oltre 250 mln di euro l’anno (sicuramente, più non meno, soldi che dovevano e potevano servire per la sanità in campania), per fare curare i nostri concittadini nelle altre Regioni; tutto ciò per non essere stati capaci di avviare come promesso ,negli ultimi anni, un vero piano di risanamento e riequilibrio del sistema sanitario….
ci si ricorda delle persone e degli ospedali piccoli solo in prossimità di scadenze elettorali!!!
Grazie alle incompetenze e alla cecità dimostrata i denari che vengono trasferiti agli ospedali del nord, dalla mobilita passiva, oltre a creare un grosso buco nella sanità Campana, determina a catena, la necessaria rimodulazione in negativo dei servizi sanitari per tutti i campani oltre al mancato introito di ulteriori corrispettivi per i servizi di prossimità e le esigenze varie (vds alloggi, spese viaggio, vitto ecc).
Questo lo dobbiamo come ringraziamento a chi ci ha governato, all’ ex Commissario straordinario e a tutti coloro che, a vario titolo, ci hanno portato in questo baratro!
Oggi, invece, fa finanche la voce grossa per aver salvato la Campania dal rischio virus….ma dove? Quando?
siamo bravi nel colpevolizzare e criticare tutti, tranne noi stessi!
PERCHÉ DURANTE QUESTI MESI SONO STATI CHIUSI REPARTI OSPEDALIERI E LASCIATO A CASA PER MESI, MEDICI E PAZIENTI SENZA POTERSI CURARE DEGNAMENTE .
Vds i malati oncologici, i malati dializzati, malati portatori di handicap, ecc.
PERCHÉ SONO STATI TRASFERITE PERSONE AFFETTE DA VIRUS IN STRUTTURE NON IDONEE E NON ADEGUATE COME CAMPOLONGO?

Grazie solo al buon Dio e alla fortuna se oggi siamo ancora in piedi.

L unica cosa di cui chi governa deve andare fiero e’ la desertificazione sociale ed economica che sta producendo con i propri decreti e con le promesse non mantenute .
Il Governatore si é dimenticato che nel 2015 ha vinto le lezioni, unitamente alla Udc, annunciando la rivoluzione nella sanità
Sì è dimenticato del patto di Marano!
Sì é dimenticato della parola data e ciò che dichiarò in uno dei suoi tanti discorsi: ” non sono più tollerabili situazioni in cui i cittadini siano costretti ad attendere mesi mentre altri possono scavalcare , pagando per essere operati nella stessa struttura pubblica” ….
Beh! allora, oggi a distanza di 5 anni, qualcosa é cambiato?
Forse si.
le apparizioni, i proclami , le inaugurazioni e le nuove promesse di riapertura , riammodernamento ecc. degli ospedali , in vista delle elezioni, si sono intensificate ….

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.