Home » > EDITORIALE

Il Coronavirus frena anche il Carnevale

Inserito da on 25 febbraio 2020 – 00:00No Comment

di Rita Occidente Lupo

Carnevale e dintorni! In Brasile, a ritmo di samba e non solo, giorni interi tra balli, suoni, allegria non solo a Rio. Quasi in ogni Stato, del Paese del caffè, un pool attrattivo e carnascialesco, che invita a folleggiare ed a lasciarsi andare. A Salvador di Bahia, Brasile turistico, code interminabili di festoni e maschere: il tutto, per i visitatori doc, giorno e notte, animazione e folklore, intrecciati a lazzi ed ilarità. Ma anche Recife ed Olinda reggono la competitività nel ballare la tipica danza acrobatica del frevo, con un ombrello colorato e con tradizionali bambole giganti. Il “Galo de Madrugada”,  parata che segue la riproduzione dell’animale in formato gigante, nel Guinness dei Primati, per i suoi  milioni di visitatori. A quello di San Paolo, simile a Rio de Janeiro. Spettacolari le parate e i “blocos”. Altro corteo caratteristico, quello di Paraty: “Il Carnevale costiero”. Popolare tra i Brasiliani, con le celebrazioni “Carnamar”: un vero e proprio evento sul mare. Per partecipare alla “Bloco da Lama”, obbligatorio coprirsi di fango, prima di unirsi alla festa tra le strade della città. Insomma, divertimento, non solo a Rio. Anche se quest’anno, il Coronavirus ha dato lo stop in diversi luoghi, a partire da quello di Venezia, che per il 2020 non vedrà il tradizionale lancio della colombina in Piazza San Marco.
 

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.