Home » > IL PUNTO

Salerno: Gruppo di Preghiera Maria SS.Immacolata, celebrato 30° d’Aggregazione e 60° d’Istituzione

Inserito da on 15 dicembre 2019 – 06:26No Comment

Rita Occidente Lupo

Celebrato il 15 Dicembre, presso la Parrocchia dei Frati Cappuccini di Salerno, il 30° d’Aggregazione ed il 60° di Fondazione del Gruppo Maria SS.Immacolata.

Grande gioia dei Figli spirituali, che si son ritrovati per la celebrazione eucaristica della Messa domenicale, alle ore 18,30, presieduta dall’Assistente spirituale, Padre Filippo Catalano, che sebbene novantenne ha intatti ricordi di San Pio. Lo conobbe da confratello cappuccino e per ben tre volte fu da Lui benedetto. Il Gruppo ha animato la liturgia eucaristica, portando anche all’altare, al momento offertoriale, alcuni simboli: oltre alle due pergamene degli anniversari, il miele, simbolo della dolcezza che deve animare la vita cristiana; un cuore, simbolo dell’amore caritatevole, come insegnò San Pio; dell’incenso, in segno delle opere buone tra le strade del mondo; le riviste di Casa Sollievo, ad indicare la comunione col Centro Nazionale Gruppi e Casa Sollievo della Sofferenza; il calendario del nuovo anno, col volto sorridente di Padre Pio, ad indicare che i tanti giorni saranno srotolati sotto la Sua assistenza; una corona del Rosario, sull’esempio dei numerosi che recitava ; delle rose rosse, a ricordo di quella custodita nel Santuario di Pompei, che Padre Pio inviò alla Madonna in segno di profonda devozione, tramite un pellegrino, giammai sfiorita.

Al termine dell’Eucarestia, non è mancato un momento di affidamento singolo, dinanzi alle reliquie del Santo. Che sono state baciate anche dai fedeli partecipanti alla Messa festiva, incuriositi ed attenti all’intera celebrazione perché la fede, come ricordato da Padre Catalano nel corso dell’omelìa, quando autentica, contagia! Ecco perché il Santo di Pietrelcina ha ancora una clientela mondiale. Lui, umile Frate, che visse all’insegna della preghiera e dell’amministrazione sacramentale, senza mai muoversi dal Convento di San Giovanni Rotondo.Padre Pio, mio confratello- ha sottolineato Padre Filippo- sembra sorriderci dal quadro esposto sull’altare ed incoraggiarci a procedere nella sequela evangelica. Con i Suoi numerosi carismi, la strada certa per raggiunger la salvezza ce l’ha additata. Sua eredità spirituale i Gruppi di Preghiera, che istituì rispondendo alla precisa richiesta del Papa Pio XII. Oggi, ai Figli spirituali, il compito di testimoniarne la Santità, attraverso la costante Preghiera, propria della loro vocazione, per guadagnare la salvezza dell’anima.”

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.