Home » > IL PUNTO

Sant’Egidio del Monte Albino: Benessere Giovani -Organizziamoci, Erasmus Giovani, per mobilità europea

Inserito da on 9 novembre 2019 – 03:47No Comment

Siamo sul punto di partenza per il secondo step del Progetto Benessere Giovani-Organizziamoci- dichiara il Sindaco Nunzio Carpentieri- ed alla luce dei consensi registrati da tanti giovani riteniamo il Progetto sempre più accattivante, in quanto le nuove generazioni si sono avvicinate al mondo del fare impresa con creatività e spirito di squadra.”Infatti le diverse Associazioni partners hanno interagito armonicamente.

’Associazione di Promozione Sociale “Futuro Digitale” , con uno stimolante progetto per la mobilità giovani, ha permesso ai numerosi partecipanti ai laboratori di allungare le proprie conoscenze oltre confini campanilistici. Articolato con 4 Incontri da 4 ore, dalle 15:00 alle 19:00,  dal 17 dicembre 2018 ad aprile 2020, al Centro di Quartiere – Via Cupa del Feudo ed al Centro Diurno – Via Pulcinella, 3 i partecipanti hanno potuto apprendere un modo di fare impresa proiettato ad una visione europea.

Programma Erasmus+ per la Mobilità Internazionale dei Giovani.

Col Patrocinio dell’Ente Nazionale Microcredito, come già avvenuto per il ciclo di iniziative in corso di realizzazione. Impresa, innovazione e legalità. I Workshop hanno rappresentato un’occasione di confronto sugli scenari del cambiamento, attraverso il racconto diretto dei protagonisti dell’innovazione e del pensiero creativo. Si è affrontato il tema guardando al suo rapporto con la legalità e la responsabilità sociale d’impresa. Coinvolti imprenditori e manager alla guida di imprese e start-up, capaci di unire all’attività d’impresa interventi di welfare aziendale e territoriale, iniziative di charity e altro ancora; organizzazioni di categoria (Confcommercio, Confartigianato, Associazioni di Agricoltori, Confindustria, etc.); ordini professionali; giovani e studenti. Temi centrali dei Workshops sono stati: la promozione della cultura del fare impresa tra i giovani, proponendo il fare impresa come possibile sbocco occupazionale delle scuole superiori, creando un percorso di integrazione e interscambio culturale tra giovani di diverse origini. I Workshop hanno avuto sempre un taglio molto operativo, pratico, di breve durata, incentrati sulla Legalità nel fare impresa ed Etica del lavoro. La legalità è il modo di interpretare il proprio ruolo professionale nella società. Ma lo stesso ruolo dell’impresa nella società è oggi un ambito di riflessione e discussione. Apparentemente questo tema offre più domande che risposte. Le recenti crisi finanziarie di scala globale hanno dato occasione di ripensare alle dinamiche economiche e di diffondere l’idea che il libero mercato e la responsabilità sociale sono due aspetti inscindibili.

Nel percorso di formazione di un buon imprenditore, manager o professionista è ormai una tappa obbligata l’approfondimento di questi temi che, lungi dall’essere solo teorici, devono innervare e guidare costantemente tutto l’agire aziendale. La coerenza morale e il rispetto dei valori della persona all’interno e all’esterno dell’azienda sempre più si affermano, accanto agli aspetti produttivi e finanziari, come fattori del capitale d’impresa. In questa prospettiva, la fedeltà ad una visione e a dei valori non diventa un costo aggiuntivo da pagare ma, al contrario, è un investimento a vantaggio della crescita e della stabilità di lungo periodo. In questo contesto, ulteriori attività sono state: Offerta di opportunità di cooperazione imprenditoriale all’estero, attraverso le opportunità offerte dal Programma “Erasmus per Giovani Imprenditori”. Tali offerte hanno permesso ai giovani partecipanti di usufruire di mobilità internazionale presso aziende esperte all’estero.

 I Workshop rappresentano un’occasione di confronto sugli scenari del cambiamento attraverso il racconto diretto dei protagonisti dell’innovazione e del pensiero creativo. Pertanto si è affrontato il tema guardando al suo rapporto con la legalità e la responsabilità sociale d’impresa. Pertanto sono stati coinvolti imprenditori e manager alla guida di imprese e start-up; organizzazioni di categoria (Confcommercio, Confartigianato, Associazioni di Agricoltori, Confindustria, etc.); ordini professionali; giovani e studenti.

Laboratorio “Trasformare un’idea in un progetto”: laboratorio di progettazione con un gruppo di giovani, finalizzato alla realizzazione di proposte progettuali su fondi europei (in particolare Erasmus+). Tale attività altamente formativa, in quanto ha permesso ai giovani partecipanti, con il supporto degli esperti progettisti dell’Associazione Futuro Digitale, di comprendere come elaborare, scrivere e gestire un progetto, un business plan o una richiesta di supporto/finanziamento.

In particolare, si à polarizzata l’attenzione sulle “Soft skills”, ossia le 8 competenze chiave promosse dall’Unione Europea. Le cosiddette “competenze trasversali” rappresentano la capacità di utilizzare conoscenze, abilità e, in genere, tutto il sapere di una persona in situazioni reali di vita e lavoro, perché la semplice conoscenza di fatti, procedure e tecniche non è sufficiente se non applicata all’abilità di metterli in atto. Le competenze trasversali sono essenziali in un mondo lavorativo nel quale le semplici competenze tecniche diventano irrilevanti se non affiancate al potenziamento di capacità e modalità che non sono sempre adeguatamente offerte/trasferite da ambienti formali di studio e lavoro. Obiettivo dell’iniziativa è stato offrire conoscenze e competenze affinché i giovani di Sant’Egidio del Monte Albino potessero comprendere come strutturare/sviluppare al meglio il proprio profilo e allargare le opportunità lavorative; internazionalizzare la propria esperienza mediante orientamento sui programmi di mobilità Erasmus Plus; adattarsi ad un mercato del lavoro orientato alle ‘nuove professioni’ e che chiede un aggiornamento continuo (Life Long Learning).

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.