Home » • Valle dei Picentini e Piana del Sele

Battipaglia: “Stop ai petardi”, presentazione iniziative

Inserito da on 3 ottobre 2019 – 03:30No Comment

Presentazione dell’iniziativa “Stop ai petardi” che si terrà venerdì 4 ottobre 2019 alle ore 10:00 a Battipaglia presso lo Studio Fotografico Focus (Via Mazzini n° 63, Battipaglia) in occasione della festa di San Francesco d’Assisi, considerato protettore di tutti gli animali.

L’iniziativa, a cui l’ Università Popolare aderisce da diversi anni, sarà un’occasione utile per discutere tutti insieme le azioni da intraprendere nei prossimi mesi. Durante le festività, in modo  particolare quelle natalizie e di fine anno, vengono esplosi petardi che purtroppo arrecano danni alla fauna selvatica, agli animali domestici, ai randagi e agli animali negli allevamenti. Per la salute degli animali, il tumulto generato dall’esplosione dei petardi costituisce una fonte di forte stress che può tramutarsi in un danno irreparabile per la salute. Il frastuono dei botti, soprattutto in piena notte, infatti, oltre a provocare negli animali una naturale reazione di spavento, li porta spesso a perdere l’orientamento, che è causa di smarrimento e/o investimento. Inoltre le esplosioni possono accidentalmente colpire l’animale, e questo rischio riguarda sia gli animali d’affezione che selvatici, generando conseguenze drammatiche, quali il ferimento o la morte per ustioni e bruciature.

Il rischio maggiore è per gli uccelli che vivono nei pressi delle aree urbanizzate: le improvvise detonazioni determinano istintive reazioni di fuga che li induce a fuggire dai dormitori, unite alla mancanza di visibilità, possono causare la morte di molti di essi, soprattutto per eventi traumatici derivanti dallo scontro in volo con strutture urbane. Inoltre molti uccelli muoiono d’infarto dovuto dall’improvvisa detonazione e quelli che fuggendo non riescono a trovare riparo periscono per assideramento a causa delle temperature gelide. Anche gli animali negli allevamenti subiscono conseguenze quali l’aborto, nelle femmine gravide e l’infarto da trauma da spavento. 

 


Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.