Home » Arte & Cultura

Mercato San Severino: Curteri, Associazione Gatto, conclusione “Gomitolando”

Inserito da on 24 maggio 2019 – 04:46No Comment

  Anna Maria Noia

Sabato 25 maggio, dalle 17 in poi, presso la Piazzetta Culturale intitolata ai politici Luigi e Cecchino Cacciatore – Curteri di Mercato S. Severino – si terrà la fase conclusiva del progetto “Gomitolando”. A cura dell’associazione “Alfonso Gatto”, sita – appunto – nella frazione. Si tratta di un’iniziativa volta e tesa a valorizzare le arti cosiddette “minori” – nella fattispecie la lavorazione della lana – in collaborazione con le donne di Curteri e dintorni, ma anche con altri sodalizi nel comprensorio. Pochi giorni fa si è vissuta una sorta di conferenza stampa, con immagini su Facebook e su altri social network. Le riprese video hanno visto interessati i responsabili delle associazioni “amiche” di “Gatto” – assieme ad alcune esponenti di “Gomitolando”, che riprenderà (quasi certamente) a settembre. Insieme alle simpatiche Gerarda e Rossella, sono intervenuti – in tale occasione: Luca Picarella, presidente del sodalizio anfitrione (con il figlio Daniele); il professor Giovanni Sessa – di “Natura e cultura”; Tonino Napoli, per “Amici della terra”; Alfonso Ferraioli, in rappresentanza de “La magnifica gente do’ Sud”. Tutti questi ospiti hanno contribuito alla buona riuscita di “Gomitolando” e di tantissime altre manifestazioni socio-culturali organizzate dalla realtà sanseverinese. Tornando, invece, alla data di sabato 25 si tratta di una serata – appunto – conclusiva (del progetto) che vedrà la presenza di un simpatico ed eclettico personaggio: il “pastore Mosè”. Un individuo esperto della tosatura, che mostrerà – proprio in piazzetta (al centro delle kermesse che vanno – infatti – sotto il nome di “Piazzetta Culturale”) – come si tosano le pecore. Utilizzando, tra l’altro, solo delle forbici. Alla maniera antica. Quindi lo spazio dove insiste la sede del sodalizio sarà pacificamente “invaso” – nel senso buono – da alcune pecorelle “pronte” ad essere toelettate. Dunque, nell’occasione – oltre all’esibizione della tosatura, dinanzi agli occhi dei presenti e degli astanti – vi saranno esposizioni di lavori, elaborati e manufatti rigorosamente a maglia (e con lana) a cura delle tante donne (anziane e giovani) che, in pochi mesi, hanno prontamente aderito alla manifestazione. Ancora, vi saranno piccoli stand con mercatini a km 0 – di prodotti agricoli ed artigianali. Inoltre, un’esposizione di erbe officinali o medicamentose (dei frati detti “semplici”) e liquori aromatizzati – alle erbe. Ciò a cura di “Natura e cultura”. Sessa ha annunciato, anche, che contestualmente all’evento ci sarà una dimostrazione di colorazione su tessuti – mediante le tecniche dell’imprinting e del mosaico. Tra momenti e occasioni di musica popolare, è prevista una lauta e sostanziosa degustazione di prodotti tipici di S. Severino: “Amici della terra” propone un “assaggio” di pane di granturco (o mascuotto, o fresella) con cipolla bianca (coltivata tra Montoro e la frazione sanseverinese Pandola, i cui abitanti, anticamente, venivano detti “cipollari” o “cepari”) e fagiolo cannellini. Con tanto olio di oliva. Si mangerà il caciocavallo “impiccato”, il tutto annaffiato da un ottimo vinello rosso. Al quale non si può resistere; nessuno potrà dir no. Questa non è certo l’unica iniziativa, l’unico progetto (targato 2019, o non) di “Gatto”. Dopo tante altre occasioni di crescita e/o sviluppo sociale e culturale. Ricordiamo, per lo scorso anno, l’intitolazione dello spiazzo antistante la sede ai ministri Luigi e Cecchino Cacciatore e la proiezione di un film sulla vita del giovane Stefano Cucchi – massacrato dalle forze dell’ordine più “disoneste”. E come dimenticare, poi, il famosissimo ‘Ntreccio – con festoni e archi pieni di fiori – sia a Carnevale che in altri contesti? È una specialità dell’associazione “Alfonso Gatto”. Il “connubio” con la legalità – poi – è ancora più evidente ed eloquente: non per niente Ferraioli (attivo, con “La magnifica gente”, in più campi di impegno civico) ha già annunciato i prossimi eventi di “Piazzetta Culturale”. Sempre per il volontariato e – appunto – nel solco dell’impegno. Prevista una serata dedicata alla poesia.

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.