Home » Scuola e Giovani

Salerno: all’IISS “S.Caterina –Amendola incontro su immigrazione possibile con Moammedh Ba

Inserito da on 7 maggio 2019 – 06:12No Comment

Incontro sull’immigrazione possibile con Moammedh Ba alle ore 11,00 in Aula Magna con gli studenti di alcune classi del Liceo “Alfano I” d e dell’IISS “S.Caterina –Amendola” l’ 8 maggio. Mohamed Ba,  Senegalese, in Italia da circa 20 anni, vive e lavora a Milano, dove, qualche anno fa  è miracolosamente sopravvissuto ad un attentato terroristico di stampo razzista.

E’ artista, scrittore, drammaturgo, attore, mediatore culturale, conferenziere.

Gira l’ Italia  invitato da Scuole, Parrocchie, Associazioni, Raduni, Eventi artistici per diffondere, consolidare, promuovere la cultura del dialogo, del rispetto della dignità di ogni creatura umana e non, della solidarietà, della libertà, della mondialità.

I suoi interlocutori privilegiati sono i giovani, gli studenti, gli artisti.

La sua testimonianza rientra nelle attività di approfondimento di tematiche attuali e civili nelle attività previste di Cittadinanza e Costituzione, organizzate con Casa Nazareth e la Parrocchia “Gesù Redentore “ di Salerno.

 

Son nato in Senegal, piccolo grande paese dell’Africa Occidentale. Vivo e lavoro in Italia da oramai sedici anni, posso quindi affermare di essermi gradevolmente italianizzato. Tuttavia, mi muovo anche con la consapevolezza che il tronco d’albero in acqua ci sta secoli e non per questo diventa un coccodrillo.
Mi sento portatore di valori, di culture e tradizioni che non necessariamente somigliano ai valori e le tradizioni italiani e cerco di costruire un ponte che colleghi il meglio di quello che determina il mio essere  africano prima, senegaliano poi, con il meglio che il territorio che mi ospita mi offre.

Provo a farlo con passione, determinazione, professionalità. Il mondo di oggi cosi com’è non va bene e c’è la necessità di rispolverare i vecchi stili di vita che ci hanno permesso di superare i duri tempi di guerre e conquiste. La crisi che ci annebbia la mente non è solo economica, è anche etica, morale e religiosa.
Avevamo scelto i modelli di sviluppo dando ampio spazio al denaro mortificando cosi l’essenza umana.
Cosi fu negli anni trenta, e le guerre che ne sono seguite purtroppo non ci hanno insegnato che quando è l’avere che condiziona l’Essere, chi non ha non è e non potrà pretendere di essere.
Cerco, attraverso il mio lavoro di formatore, educatore, attore e drammaturgo teatrale, di dare il mio contributo per una rifondazione della nostra forma mentis, mettendo l’uomo al centro.

AL MIO AGGRESSORE

Caro fratello che non conosco, ti scrivo per invitarti a riflettere assieme a me su ciò che ci legherà per sempre.
Domenica 31 Maggio, Milano ore 19.45, fermata del tram 19. Ti vedo tranquillo in mezzo alla gente in attesa che rideva spensierata, erano quasi tutti sud americani. Forse ero di troppo, e in quel momento decidesti di mettere fine alla mia esistenza infilandomi il tuo coltello nell’addome. A quasi tre mesi dal fatto i miei pensieri vanno sempre a te e alle tue motivazioni.
Caro fratello nobilmente pensoso, alla ricerca di una purezza razziale che non saprei garantirti, camminiamo insieme di deserto in deserto, verso il nudo essere, oltre alle frontiere del passaporto e dei tratti somatici, là dove si esaurisce il concetto di etnicità, inizi il nostro cammino.

La ricerca dell’umanità è molto più bella dell’etnicità.

Io posso capire che tu sia arrabbiato perché vedi i cambiamenti socioculturali che avvengono nel tuo paese, ma questo è solo il risultato di una globalizzazione mal governata dove l’avere condiziona l’essere al punto tale che chi non ha non è.
Caro fratello, oggi assistiamo ad una drastica divisione dei popoli in Re e Poveri in base al luogo di provenienza. Basta pensare che le stesse problematiche che hanno spinto persone come me a venire in Italia, sono state le stesse che hanno portato milioni di italiani a lasciare il loro paese per perlustrare nuovi orizzonti.
Se la scimmia avesse avuto quello che occorreva sugli alberi per vivere bene, mai sarebbe scesa per terra.
Puoi anche pensare che uccidendomi avresti trovato il lavoro che santifica ma sbaglieresti perché mi sono inventato il mio lavoro, ho osservato la città di Milano con i bambini di ogni ceppo culturale, mi sono ritrovato sui banchi di scuola proponendomi come educatore e mediatore culturale che propone dei percorsi didattici permettendo a tutti gli alunni italiani e non, di condividere dei momenti in cui spaziare a livello planetario alla riscoperta dei valori morali tradizionali; è un lavoro che faccio da dieci anni con passione, dedizione e professionalità.

Caro fratello, sono approdato a Milano quattordici anni fa e di scoperta in scoperta, mi sono reso conto che la storia ed i simboli erano sconosciuti ai più. Credimi, quando porto i bambini in città alla scoperta dei luoghi e non luoghi, fanno fatica a trovare delle persone in grado di aiutarli a decodificare gli enigmi da Bellevoso, al pozzo dei battuti, dalla maledizione di Tommaso Marino ai doccioni, fino a “lavorare a uf”. Come vedi fratello, non sono venuto ad inquinare la tua (nostra) città ma cerco di rispolverarne la memoria storica, permettendo ai bambini italiani di confrontarsi con gli altri quando porteranno in classe i vari tamburi, racconti….

Ti pregherei di riflettere sul tuo gesto.
Uccidendomi avresti privato centinaia di bambini di proseguire un cammino verso una cittadinanza attiva ed il rispetto del patrimonio culturale.
Non puoi immaginare quanto, gli stessi bambini, siano rimasti scioccati dal tuo gesto e le loro lettere hanno invaso l’ospedale dove ero ricoverato. Caro fratello, stavi quasi privando a due bambine di sei e tre anni, portatrici di una doppia identità culturale, di un padre. Mi hai lasciato sulla strada mezzo morto, nell’indifferenza totale ma altri italiani mi hanno soccorso, curato, accudito e dato la forza di ripartire. Caro fratello puoi anche sentirti legittimato dai proclami che voci autorevoli di questa città fanno, soprattutto alla vigilia di appuntamenti elettorali ma saresti ingenuo per il semplice fatto che il rapporto tra la popolazione attiva e quella pensionata è quasi di uno a uno. Sarebbe impensabile mandar via tutti gli immigrati, il paese si bloccherebbe.
Caro fratello, ti invito a deporre le armi perché non hai un potere salvifico. Un giorno ti accorgerai che quello che si è nella vita non è motivo di orgoglio o di vergogna, ma quello che si diventa lo è. Casualmente ci siamo ritrovati ad essere italiani, americani, africani etc… non è stata una scelta. Ma oggi posso affermare di essermi gradevolmente “italianizzato “ pur sapendo che il tronco d’albero può stare in acqua per secoli, non diventa mai un coccodrillo.
Caro fratello, l’Italia vera è quella col cuore in mano che sa riconoscere nell’altro valori arricchenti.

Non uccidere le differenze culturali, sono la bellezza dell’umanità. Gli ideali sopravvivono sempre.

Un caloroso abbraccio.

Pensaci….pensaci….pensaci….

 

 

 

 

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.