Home » > Primo Piano

Libia: nuova guerra civile?

Inserito da on 11 aprile 2019 – 10:01No Comment

La Libia sembra sprofondare nuovamente nel conflitto civile dopo che le forze agli ordini del Generale Khalifa Haftar, uomo forte della Cirenaica, hanno lanciato un’offensiva militare per prendere possesso della capitale Tripoli, controllata dalle milizie del Governo di Accordo Nazionale guidato da Fayez al-Sarraj e sostenuto dall’ONU.

Alla luce di questi sviluppi, la conferenza Nazionale promossa dall’ONU per trovare una soluzione alla crisi libica, prevista tra soli dieci giorni, appare sempre più in dubbio, mentre il destino del paese rischia di abbandonare definitivamente la strada di una soluzione politica e tornare in balia delle armi.

Quali scenari interni ed esterni si aprono?

Come sta reagendo la comunità internazionale e quali sono gli interessi in gioco?

Ancora una volta si fronteggiano le forze di Sarraj e Aftar che con le sue forze cerca di prendere il controllo del Paese.

Decine di morti e feriti.

È una battaglia per il controllo di Tripoli che è una guerra per il predominio nel paese quella che si sta combattendo in Libia. Solo nel fine settimana ci sono state più di trenta vittime e decine di feriti.

È caduto nel vuoto l’appello dell’Onu per due ore di cessate il fuoco umanitario per allontanare civili e feriti dalla periferia Sud della capitale, ora si combatte a una decina di chilometri a Est della città. A Tripoli, le scuole resteranno chiuse per tutta la settimana e gli abitanti stanno facendo scorte di benzina e prodotti di prima necessità.

Si scontrano il premier, Fayez al-Sarraj, riconosciuto dalla comunità internazionale, e il generale Khalifa Haftar a guidare i due schieramenti opposti all’interno del Paese.

Le Forze del generale Haftar puntano ancora una volta verso la Capitale.

Il Governo riconosciuto lo accusa di tradimento e tentato golpe.

Come ha detto il premier Conte non è un fulmine a ciel sereno, il Paese non si è mai stabilizzato dopo la caduta di Gheddafi e già nello scorso Settembre lo scontro era aperto fra le due fazioni.

Il generale Haftar, l’uomo che comanda sulla Cirenaica, ha accanto Arabia Saudita, Emirato Arabi (ora silenti, ma economicamente rilevanti) ed Egitto e avrebbe avuto, almeno in passato la Francia come sostenitore, mentre la Russia ora chiede una soluzione politica. Sarraj è invece a capo della coalizione di unità nazionale e ha dichiarato: «Abbiamo teso le nostre mani verso la pace, ma dopo l’aggressione da parte delle forze di Haftar e la sua dichiarazione di guerra contro le nostre città e la nostra capitale non troverà nient’altro che forza e fermezza»

La risposta a una dichiarazione di guerra è un’operazione militare chiamata «Vulcano di rabbia».

Sarraj affronta Haftar con l’aiuto degli uomini di Bunian al Marsus, la coalizione di milizie che nel 2017 ha sconfitto l’Isis a Sirte.

Il contrattacco è stato lanciato verso il distretto di Giofra. Qui si trovano le Forze dell’autoproclamato Esercito nazionale libico, guidato da Haftar.

Le Forze del generale sono stato bombardate dall’aviazione governativa nella zona dell’aeroporto internazionale di Tripoli, chiuso nel 2014, e a Wadi Rabea.

Il generale ha risposto bombardando Naqliya camp, sulla strada dell’aeroporto.

Il premier Giuseppe Conte ha parlato della situazione in Libia a margine del Vinitaly chiedendo di scongiurare la guerra. «La Libia è un dossier che seguo personalmente da tempo, già nella conferenza di Palermo si era evidenziata l’esigenza di prevenire l’escalation di violenza.

Adesso si sta manifestando. Confido che il generale Haftar, col quale sono costantemente in contatto, voglia evitare bagni di sangue». Per i ministri degli Esteri del G7 «non esiste una soluzione militare». Gli Usa hanno richiamato un proprio contingente dalla Libia. L’inviato Onu per la Libia, Ghassan Salamé, ha confermato la Conferenza nazionale sulla Libia in programma dal 14 al 16 aprile a Ghadames, nel sud-ovest del Paese.

Per l’Italia la questione è economica (i legami sono decine in particolare nel settore petrolifero), ma anche collegata agli sbarchi dei migranti.

Ellera Ferrante di Ruffana                               

 

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.