Home » > Primo Piano

Padre e madre su Carta d’ Identità dei Minorenni, abolito generico “Genitori”

Inserito da on 5 aprile 2019 – 10:01No Comment

Sulla carta d’identità dei minorenni torneranno «madre» e «padre».

Il decreto è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale e annunciato dal Viminale. Porta le firme del ministero dell’Interno, da quello della Pubblica Amministrazione e da quello dell’Economia.

È datato 31 gennaio 2019 e modifica il testo del decreto del 23 dicembre 2015, quello che introduceva la dicitura «genitori».

Attualmente sulla carta d’identità si legge «cognome e nome dei genitori o di chi ne fa le veci». È scritto anche in inglese e la traduzione è parents.

La modifica è limitata a questo documento che è però fondamentale per i viaggi con i minorenni per esempio e come forma primaria di riconoscimento, anche della genitorialità.

Scrivere madre e padre esclude automaticamente i genitori dello stesso sesso che abbiano avuto il riconoscimento dei figli, ma anche qualsiasi altra situazione di famiglia non tradizionale.

Era stato lo stesso ministro dell’Interno Salvini fra agosto e novembre dello scorso anno a proporre il reintegro di «padre» e «madre». In un tweet aveva scritto: «Noi andiamo avanti! Non c’è “#privacy” che tenga!». Contraria gran parte del Movimento 5 Stelle nella maggioranza.  La sindaca di Torino, Chiara Appendino, aveva detto: «Noi rimaniamo dell’idea che sia giusto il passo in avanti che si è fatto e che la posizione di Salvini sia un passo indietro. Noi continueremo per la nostra strada e non faremo marcia indietro». Un no era arrivato dall’Anci, l’Associazione Nazionale Comuni Italiani, e soprattutto dal Garante della Privacy. Antonello Soro nel parere richiesto dal Governo, aveva scritto: «La modifica introdotta dal decreto si è rivelata inattuabile in alcune ipotesi, con gli effetti discriminatori che necessariamente ne conseguono per il minore. Per esempio, nei casi nei quali egli sia affidato non al padre e alla madre biologici, ma a coloro i quali esercitino, secondo quanto previsto dall’ordinamento, la responsabilità genitoriale a seguito di trascrizione di atto di nascita formato all’estero, sentenza di adozione in casi particolari o riconoscimento di provvedimento di adozione pronunciato.

In ogni caso, la Legge va rispettata “dura lex, sed lex” e al di là di tutto, a me e a molti altri come me, piace molto avere un Padre ed una Madre senza tanti voli pindarici!

Ellera Ferrante di Ruffana 

 

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.