Home » Sport

Salerno: Todis, vittoria interna contro Olimpia Capri, Torruella sugli scudi

Inserito da on 9 marzo 2019 – 00:01No Comment

La Todis Salerno ’92 batte l’Olimpia Capri tra le mura amiche e ravviva le speranze di salvezza. Finisce 62-54 al PalaSilvestri, al termine di una prova di grande intensità del collettivo. Soddisfatto il nuovo coach Andrea Forgione: “Un plauso alle ragazze che per 40’ non hanno mollato, recependo le mie richieste dalla panchina e dando tutto quello che avevano. Questa vittoria ci consente di iniettare fiducia ed affrontare con maggiore consapevolezza le prossime tre finali, a cominciare dalla trasferta di Castellammare. In casa bisogna giocare sempre con questa voglia, brave tutte”.

Con Dionea Di Donato a completare il quintetto di partenza assieme alla sorella Dalila, Giulivo, Cragnolino e Torruella, la Todis inizia subito bene. Capri – con l’ex Falbo in panchina e le altre vecchie conoscenze salernitane Seskute, Carcaterra e Dentamaro in campo – si conferma fin da subito osso duro. Le isolane saranno in partita fino alla fine. Torruella parte alla grande e sfrutta benissimo i pick and roll, infilando una serie di canestri preziosi nel primo quarto. Bene l’argentina che in arresto e tiro incrementa il bottino suo (saranno 25 a fine gara) e di squadra. Primo intervallo sul 17-13 per Salerno che riesce a non ripetere l’errore di Scafati, dove era calata nel secondo periodo. Forgione fa ruotare le sue, Capri resta però a contatto e a metà gara è +5 Todis (30-25). Alla ripresa le ospiti, trascinate da Gallo, rosicchiano subito quattro punti e fanno la voce grossa. Interrompe il digiuno di due minuti e mezzo Giulivo. A metà periodo Salerno allunga e va a +7 con due triple di fila firmate Cenerini e Manolova (38-31). Le ospiti tornano a -2 al 27’ in una gara dai mille capovolgimenti. Salerno mette altri 4 punti fino alla mezzora, tutti dalla lunetta. L’ultimo quarto inizia sul 42-38. L’ex Carcaterra si scatena e pareggia i conti ma Torruella prima e Giulivo poi ristabiliscono le distanze a 7’ dalla fine. Pochi secondi e ancora la classe 2001 si incunea nelle maglie della difesa ospite e fa 48-42. L’argentina da tre fa urlare i cento del PalaSilvestri (51-43) a metà periodo ma Carcaterra e Seskute (uno su due dalla lunetta) portano Capri a -5. Il leit-motiv del match è sempre lo stesso: a 120 secondi dal termine Todis sul +4 (56-42), Giulivo segna ed Ermito risponde per una disattenzione difensiva locale. Con le due squadre in bonus, Salerno sfrutta meglio i liberi con Torruella e Giulivo, portando a casa un meritato successo (62-54).

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.