Home » • Cilento e Vallo di Diano

Agropoli: al “De Filippo”, Federico Buffa porta in scena “Il rigore che non c’era”

Inserito da on 6 marzo 2019 – 02:00No Comment

“Il rigore che non c’era”, settimo appuntamento della quarta stagione teatrale della struttura agropolese, è il nuovo spettacolo di Federico Buffa: il più grande storyteller italiano riprende la sua avventura teatrale, con un testo che parte da storie sportive per diventare poi un affresco storico, poetico, musicale. Il rigore che non c’era è quell’evento, magari improvviso, che ha cambiato la storia di una partita, è quella metafora, magari improvvisa, che ha cambiato la storia di una vita… In un luogo non collocato nel tempo e nello spazio, personaggi a un bivio, davanti a una scelta, condannati a raccontare e a raccontarsi. Sullo sfondo, un palazzo, due finestre dalle quali compare una sorta di angelo, custode e disincantato, interpretato da Jvonne Giò; in scena con Federico Buffa, uno strampalato attore, del quale veste i panni Marco Caronna, ed un pianista, Alessandro Nidi, compagni di viaggio nello scoprire che quella volta, quel rigore… ha cambiato la storia di tutti… L’appuntamento è in programma venerdì 8 marzo alle ore 20,45.

Così come avviene dall’inizio della stagione teatrale, anche per questo spettacolo il direttore artistico Pierluigi Iorio, mette a disposizione delle scuole secondarie di secondo grado di Agropoli alcuni posti gratuiti. L’iniziativa, volta a favorire la fruizione del teatro ai più giovani per scopi educativi e sociali, sta avendo un successo sempre crescente.

Federico Buffa è un giornalista e telecronista sportivo italiano. Oltre alla sua attività di telecronista di basket e commentatore sportivo, Buffa ha condotto alcune trasmissioni antologiche sempre a tema sportivo, nelle quali ha dimostrato – secondo Aldo Grasso – di “essere narratore straordinario, capace di fare vera cultura, cioè di stabilire collegamenti, creare connessioni, aprire digressioni” in possesso di uno stile avvolgente ed evocativo.

 

 

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.