Home » • Salerno

Salerno: migliorarsi e migliorare con le poesie di “Poetando sotto le luci di Natale 2018”

Inserito da on 5 marzo 2019 – 06:15No Comment

È giunto alla terza edizione il concorso “Poetando sotto le luci di Natale 2018”, organizzato dalla professoressa Maria Marsicano, in collaborazione con l’Associazione Iolanda, e con Anna De Rosa, in qualità di collaboratrice, giurata e artista ecosostenibile, autrice di due opere realizzate per la premiazione.  Quest’ultima si è tenuta il 27/02/2019, dalle ore 10:00, dopo due rinvii per motivi tecnici, nella meravigliosa e storica sala Bottiglieri di Palazzo Sant’Agostino in via Roma a Salerno, città delle luci di artista e culla di artisti e poeti, ha dato emozionanti momenti di riflessioni profonde nelle poesie presentate. Difatti dalla Croazia una favolosa bimba Ines Olbradovic nella sua poesia “Albero” ha portato assieme alla stanchezza di un viaggio estenuante il messaggio che il Natale è occasione del cuore e non dell’esteriorità, per lei questa festività non ha una data stabilita, ma ogni stagione dell’anno è propizia perché in noi nascano e si manifestino la pace e la nascita e ogni momento è quello giusto. Una poesia bella e eloquente nella sua semplicità da farle meritare il premio di vincitrice assoluta della sezione Scuola Primaria. Nella sezione Scuola secondaria di primo grado, vincitrice del primo posto Elena Mora di Parma, nella sua poesia “Sogni per un angelo” emoziona la voce della sua interiorità, che le suggerisce la presenza di un angelo stella che è familiare e attende, per cui la comunicazione poetica  permette di sentirsi meno soli. Al secondo posto si è classificata una ragazzina di soli undici anni Aurora Ncerino di Caserta, che ha trattato la condizione femminile esaltando la donna, la sua femminilità e vituperando il femminicidio nei versi: tanti angeli terreni per mano di diavoli viventi hanno cessato la loro felice vita …. Al terzo posto da Firenze, culla eterna di poesia arriva Victor Giusti che nella poesia “Lacrime” confessa di perdersi a sognar le stelle e se una a lui è destinata.

Sul carro di vincitrice della Scuola Secondaria di secondo grado sale Storchi Melissa di Bibbiano di Reggio Emilia con la poesia “Ricordi che svaniscono.” Il terzo posto è toccato a Francesco De Vito, che arriva da Mirabella Eclano (AV) con la poesia “Supereroe” in cui chiede al suo supereroe di non abbandonarlo, avendo necessario bisogno della sua presenza, richiesta che dovrebbe essere rivolta a tutti quei papà che dimenticano l’importanza del loro ruolo per cose più futili….Sul podio della sezione adulti sale la frizzante professoressa Carla Barlese, che arriva da Roma con la bellissima e significativa poesia “Pe sempre de ‘na mamma l’assenza” e che la declama mirabilmente, affascinando tutti, con un’interpretazione da non temere confronto nemmeno con la migliore attrice, con la stessa bravura ha recitato anche la poesia Notte Santa a Sud dell’equatore di Ivano Baglioni. Il secondo posto è toccato alla poetessa Chiara Margiotti, giunta da Frosinone, cuore della Ciociaria . La sua poesia è un acrostico Natalizio che forma la frase La magia del Natale. Poi Nick Corona da Londra con la poesia “I tuoi capelli biondi” una delicata poesia d’amore e timidezza, nel tempo della mercificazione dei sessi e della sessualità, si è attestato al secondo posto ex aequo. Infine menzione d’onore per Roberto Lasco di Marcianise, Carla D’Alessandro di Battipaglia, Anna Senese di Salerno, Ivano Baglioni di Roma, Stefania Siani di Cava de’ Tirreni, Daniela Cannella dell’India. Da tutti questi messaggi poetici si vede chiaramente che la poesia può migliorare il mondo, meditando su ciò che ognuno trae fuori dal proprio animo. Ogni Concorso regala emozioni e riflessioni infinite e questo Concorso in cui ci sono vincitori del Nord, del Centro, del Sud Italia e persino della Croazia e dell’India, consente di dire al giornalista, che chiese al Ministro della Pubblica Istruzione, cosa avrebbe fatto per colmare il gap culturale tra le scuole del Sud rispetto a quelle del Nord che i talenti fioriscono ovunque, come i fiori che nascono anche nel letame. Al Ministro della Pubblica Istruzione permette di dire che quelli del Sud il sacrificio lo conoscono eccome! E che il loro primo profumo è quello del sudore dei propri sacrifici, come lo conosce anche il papà di Ines e la sua dolce figlia, che per essere presenti al Concorso hanno viaggiato tutta la notte, come pure tutti gli altri vincitori da Firenze, Frosinone, Caserta, Mirabella Eclano, eccetera e ciò conferma anche ciò che dice Camilleri che chi condivide il sapere non rimane mai solo.  Condividendo la poesia si è in tanti e la poesia è come la musica, una sintonia che rimane nel ricordo e nel tempo, come le note suonate dal duo flauto e chitarra del Liceo Musicale Alfano 1- flauto Andrea Ronca, chitarra Mattia Vestuto, diretti mirabilmente dal maestro Guido Pagliano, ad essi vanno i più sentiti ringraziamenti.  Un plauso particolare al professore Girolamo Collura e alla squisita dirigente   professoressa Elisabetta Barone per l’appoggio e la sensibilità dimostrata.

La poliedricità di questo concorso non poteva non avere che il grande Carlo Di Legge come Presidente insostituibile della giuria di qualità, preside, filosofo, filologo, poeta, saggista, tanguero, scrittore, ma soprattutto una persona eccezionale, fine, compita, a tal punto che metaforicamente può rappresentare la poesia vivente; è la punta di diamante del Concorso “Poetando sotto le luci di Natale” di ieri, di oggi, di domani,  ritrae gli animi dei poeti, le cui poesie sono sottoposte al suo vaglio. Ha presenziato per tutta la lunga durata dell’evento, letto i giudizi e premiato alcuni dei vincitori

Presenti: Maiarosaria Vitiello Consigliera Politica della Provincia per le politiche Culturali Educative e Scolastiche, che oltre i saluti istituzionali ha deliziato la platea con un magistrale intervento. Mariarita Giordano, assessore alle politiche giovanili in rappresentanza dell’ente Comune per un veloce saluto, avendo nella stessa mattinata una seduta di giunta. La stilista Iole Capparrone presentatrice e fotografa.

In nome della poesia  sentiti ringraziamenti a tutti per cotanto impegno, anche alla vulcanica donna Anna De Rosa per la sua performance sulla tematica dell’ambiente e a Parvati Daniela per i suoi balletti mistico-religiosi indiani, al dottore  Carmine Tortora per la sua meravigliosa opera della zona Duomo, a Francesco Capparrone del locale Passo Duomo per il buffet allestito per il dopo-Premiazione e a Donatella De Bartolomeis per la stampa e l’omaggio del libro contenente le poesie vincitrici . Un calorosissimo arrivederci al Concorso “Poetando sotto le luci di Natale 2019 all’insegna della Poesia e della Cultura.

 

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.