Home » • Salerno

Salerno: Pap su caso Souleymane Rachid, solidarietà concreta

Inserito da on 25 febbraio 2019 – 05:43No Comment

Quanto accaduto a Souleymane Rachid è l’ennesimo atto razzista in provincia di Salerno. Il vento dell’intolleranza colpisce le persone ma anche i simboli della politica e della vita civile, marchiati da svastiche intimidatorie. Di fronte all’abbassamento della soglia di confronto democratico, che in modo preoccupante investe il Paese, in provincia di Salerno abbiamo dato vita insieme ad altre forze, al coordinamento ”Salerno contro la legge (in)sicurezza”. Tra le richieste che avanzammo in Prefettura al termine del corteo del 26 gennaio, c’era l’immediata risposta alle situazioni di emergenza abitativa che interessano una parte della popolazione del territorio salernitano, sia italiana che straniera. A quel tavolo andremo a discutere come affrontare la deriva razzista e di intolleranza che sta investendo le nostre città. Ci auguriamo che anche altre espressioni democratiche della politica locale chiedano di essere inserite in questa discussione che ormai riguarda chiunque sia fuori dal progetto repressivo che questo Governo ha previsto per l’Italia.

Come “Potere al popolo – Valle dell’Irno” e “Potere al Popolo – Salerno”, consapevoli degli accadimenti e in stretto contatto con la comunità migrante della valle dell’Irno, esprimiamo la massima solidarietà nei confronti del nostro fratello ivoriano e chiediamo che vengano effettuati al più presto i controlli necessari per verificare ciò che realmente è accaduto. “Riteniamo fondamentale che alla solidarietà e alla vicinanza formale dimostrata dalle istituzioni (in particolar modo i sindaci di Pellezzano e Mercato San Severino) – dice Davide Trezza del coordinamento nazionale di Potere al Popolo – seguano atti concreti che contrastino realmente la deriva razzista all’interno delle istituzioni. Le istituzioni, sulla scia di quanto fatto dai comuni di Napoli e Palermo, possono procedere con l’iscrizione anagrafica dei richiedenti asilo, disobbedendo ad una legge ingiusta e fortemente razzista qual è la legge sulla sicurezza”.

In questi mesi abbiamo provato a dare delle risposte concrete alla questione integrazione, organizzando momenti aggregativi per lavorare sulla partecipazione attiva dei migranti alla vita del nostro territorio.  Abbiamo dialogato con le comunità migranti e proposto più volte alle istituzioni tramite il gruppo “San Severino accoglie” di far aderire il comune di Mercato San Severino alla rete Sprar. Abbiamo assistito al totale silenzio delle istituzioni che non hanno voluto dare una risposta concreta, ma si sono limitate alle frasi di circostanza. Per questo motivo chiediamo, con forza, che i sindaci della valle dell’Irno aderiscano alle richieste portate in prefettura a Salerno dal coordinamento “Salerno contro la legge (in)sicurezza” e si oppongano concretamente e sul piano istituzionale, alle richieste e ai bisogni dei richiedenti asilo. Nel nostro territorio sono presenti progetti Sprar, centri d’accoglienza straordinari e case famiglia per minori. Stiamo parlando di decine e decine di migranti non integrati realmente all’interno del tessuto sociale della valle dell’Irno, isolati rispetto al centro cittadino, costretti a lavorare per aziende locali a nero, sottopagati o sfruttati, senza riferimenti e con una serie di problematiche rispetto alla risoluzione di problemi burocratici e legali.

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.